U20F> Giro Volley, primo ko esterno

La Giro Volley subisce il primo ko nel torneo territoriale Under 20 in casa delle campionesse uscenti dell’Appio Roma Centro con lo score di 3-1. Seppur battuta dopo ottantacinque minuti di gioco nella palestra dell’I.C. Largo Volumnia, la compagine di coach Santini resta alla settima giornata in vetta al girone unico a quota quattordici e può confidare in un’ottima seconda parte della prima fase della succitata rassegna. Il match stesso regala al pubblico molti colpi di scena: quando pare certa un’altra débâcle arancionera alla fine del primo set (25-17 per la compagine rossoblù), Petrangeli e compagne si risvegliano lottando punto a punto e vincono a fatica il secondo set 22-25. Anche nel terzo set Aliffi si conferma un opposto temibile e imprevedibile in tutti i fondamentali, così come ribadiscono il loro operato in campo Petrangeli e Cioffi; in vantaggio sul 17-19, però, la Giro Volley cede di colpo fino a perdere 25-21. Clone del primo set è il quarto: stesso dominio tecnico dell’Appio Roma Centro, stesso nervosismo del sestetto ospite, stesso punteggio finale. A fine gara coach Santini ammette l’insuccesso arancionero, ma elogia il cammino percorso dal suo gruppo finora e confida nel prosieguo del torneo: “Avremmo dovuto battere e ricevere meglio contro l’Appio Roma Pallavolo perché potessimo impensierirlo con il nostro gioco al centro. Direi che la prima parte di questa rassegna è stata abbastanza in discesa per noi, che le campionesse uscenti sono state le nostre avversarie più ostiche che abbiamo incontrato finora e che servirà vincere, soprattutto, in trasferta”.

Area Comunicazione Asd Giro Volley in collaborazione con Claudio Sabbatini

Articoli correlati:

  1. U20F> Giro Volley, esordio convincente
  2. U20F> Giro Volley, due punti sudati
  3. U20F> Giro Volley sempre vincente, ma con qualche neo
  4. U20F> Giro Volley, esordio sofferto ma vincente
  5. U20F> Due punti d’oro per la Giro Volley

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002