2DM> Volleyup Acquaviva, buone prospettive

Tra le tante novità messe in campo quest’anno dall’instancabile dirigenza della VolleyUp Acquaviva, c’è anche l’interessante progetto legato alla Seconda Divisione Maschile. Una squadra nuova di zecca che comincia a prendere forma e che si appresta a partecipare al campionato agonistico di categoria, la cui partenza (non ancora ufficializzata dalla federazione provinciale) dovrebbe attestarsi intorno alla fine di gennaio. Una competizione che dovrebbe prevedere dalle due alle quattro promozione, dirette o attraverso i play-off in base al numero delle formazioni iscritte.
La squadra conta attualmente 14 elementi, la maggior parte dei quali sono ragazzi acquavivesi ai quali si affiancano alcuni giocatori originari di Gioia del Colle. Naturalmente, il gruppo è aperto: chiunque, tra ex atleti o anche semplici appassionati, volesse avvicinarsi a questa esperienza, può contattare la società sui suoi profili social o anche semplicemente recarsi al palazzetto Tommaso Valeriano dove potrà ricevere tutte le informazioni del caso.
A guidare il collettivo è Donato Eramo, tecnico gioiese che, fino ad una decina d’anni fa, indossava ancora calzoncini e ginocchiere. Da atleta ha giocato fino alla serie C, mentre in qualità di allenatore si è occupato prevalentemente di settore giovanile, vantando anche esperienza nel mondo della pallavolo femminile in quel di Recanati.
Finora sono state disputate due amichevoli: una vinta col Santeramo, l’altra persa contro il Sannicandro, entrambe formazioni di Prima Divisione.

Ufficio Stampa
VolleyUp Acquaviva

Articoli correlati:

  1. CF> A Trani brutto stop per la volleyup Acquaviva
  2. CF> Volleyup Acquaviva: sabato la presentazione, domenica la prima in casa
  3. CF> La Volleyup Acquaviva continua a vincere
  4. CF> Volleyup Acquaviva, questa volta il tie break è vincente
  5. CF> A Potenza la prima sconfitta della VolleyUp Acquaviva

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002