Julio Velasco nominato D.T. del settore giovanile maschile

La Federazione Italiana Pallavolo è lieta di annunciare che è stato raggiunto un accordo per la nomina di Julio Velasco quale nuovo direttore tecnico dell’attività giovanile del settore maschile.
Julio Velasco, che da allenatore della Nazionale Maschile ha collezionato 323 presenze alle quali si aggiungono le 35 sulla panchina della Nazionale Femminile, ha contribuito a scrivere le pagine più gloriose della pallavolo italiana rendendola al contempo un modello sportivo universalmente riconosciuto. Il dirigente argentino, voluto fortemente dal presidente federale che in questa scelta è stato sostenuto dal Consiglio Federale, ha firmato un contratto che lo legherà alla FIPAV per due anni e mezzo.
Velasco, che sarà al lavoro già dalle prossime ore, verrà presentato ufficialmente alla stampa nel prossimo mese di luglio quando verranno resi noti i suoi programmi di lavoro.

Julio Velasco sulla panchina della Nazionale Maschile

Esordio: Rovereto, amichevole, 26/05/89 Italia vs Spagna 3-0
Ultima gara: Tokyo, Super Challenge, 24/11/96 Italia vs Giappone 3-0
Gare totali: 323
Vittorie: 257
Sconfitte: 66
Percentuali vittorie: 79.5%

Julio Velasco sulla panchina della Nazionale Femminile

Esordio: S.Benedetto del Tronto, Amichevole, 31/05/97 Italia vs Cuba 1-3
Ultima gara: Liberec, Qualificazione Mondiale, 01/02/98 Italia vs Repubblica Ceca 3-1
Gare Totali: 35
Vittorie: 23
Sconfitte:12
Percentuale Vittorie: 66%

Fipav

Articoli correlati:

  1. Concorso letterario Racconti Sportivi 2019: al Salone del Libro di Torino premiato anche un racconto esclusivo su Julio Velasco
  2. Nazionale Maschile: Gianlorenzo Blengini nominato nuovo commissario tecnico
  3. Giovanile> Civitavecchia,molto bene il settore maschile di mamma ASP, male il settore femminile.
  4. Giovanile> Borghesiana, è fitta l’agenda del settore maschile
  5. Le delibere del Consiglio Federale su settore giovanile maschile

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002