Beach 2×2: Michieletto e Lantignotti pronte per le finali di Caorle

Mancano poche ore all’atto finale del Campionato Italiano Assoluto di Beach Volley 2×2 dove sarà impegnata la Leonessa della sabbia Francesca Michieletto, in coppia con Michela Lantignotti.

Accompagnate da coach Matteo D’Auria, Michieletto e Lantignotti (che ha sostituito Carol Ferraris, partita per una borsa di studio negli Stati Uniti) si giocheranno tutte le carte alla manifestazione che si terrà da venerdì 23 a domenica 25 agosto sulle spiagge di Caorle, nel veneziano. Le due atlete si stanno allenando sull’Adriatico, per creare il miglior affiatamento possibile in vista di Caorle.

Entrate nel main draw come none classificate su trentadue partecipanti, le Leonesse della sabbia sono pronte all’assalto del tricolore, sfidando le migliori coppie d’Italia. “Le finali di Caorle – commenta coach D’Auria – sono di fatto la conclusione della stagione di beach. Noi le abbiamo preparate al meglio con la coppia Ferraris/Michieletto e stavamo rispettando i programmi per la stagione dimostrati dalla progressione di risultati. Purtroppo, ma per fortuna per Ferraris è subentrato questo impegno universitario e si è optato per ricostruire una coppia con Lantignotti che non è e deve essere un ripiego, bensi uno stimolo, viste le qualità della ragazza, a far ancora meglio. Si stanno allenando con grande impegno per presentarsi alle finali al meglio. L’obiettivo minimo penso sia provare ad entrare nelle prime otto coppie”.

Ufficio Stampa

Articoli correlati:

  1. Lantignotti sostituirà Ferraris e farà coppia con la beacher Millenium Michieletto alle finali nazionali 2×2
  2. Beach Volley World Tour Michele Pereira: 5° posto per Ferraris-Michieletto
  3. Beach> World Tour: vittoria di Ferraris-Michieletto
  4. Beach> Per Ferraris-Michieletto prestigioso 4° posto nella tappa degli assoluti di Palinuro
  5. Beach> Le Leonesse Michieletto e Ferraris ruggiscono al primo posto del Nicolai’s Challenge

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002