A1F> Saugella Monza fermata da Busto Arsizio nella semifinale del “Memorial Ferrari” di Novara

Dopo aver vinto il primo set con carattere, Ortolani e compagne si fanno recuperare dalla squadra bustocca, vincente 3-1. Squarcini: “Match utili per crescere e migliorare”.

Saugella Monza – Unet E-Work Busto Arsizio 1-3 (25-14, 19-25, 14-25, 23-25)
Saugella Monza: Skorupa 1, Begic 12, Danesi 7, Ortolani 16, Mariana 14, Heyrman 7; Parrocchiale (L). Squarcini 5, Di Iulio, Obossa 3. N.e. Orthmann, Meijners, Bonvicini (L). All. Dagioni
Unet E-Work Busto Arsizio: Berti 8, Orro 1, Herbots 16, Bonifacio S. 4, Bici 21, Gennari 14; Leonardi (L). Cumino, Villani 2, Negretti. N.e. Campagnolo, Bonifacio G.. All.Lavarini

NOTE

Durata set: 20′, 25′, 22′, 30′; Tot: 1h37′.

Saugella Monza: battute vincenti 3, battute sbagliate 5, muri 12, errori 19, attacco 39%
Unet E-Work Busto Arsizio: battute vincenti 3, battute sbagliate 8, muri 5, errori 16, attacco 47%

Impianto: Pala Igor di Novara

NOVARA, 5 OTTOBRE 2019 – Sarà la finale per il terzo e quarto posto il prossimo appuntamento della Saugella Monza alla terza edizione del “Memorial Giampaolo Ferrari” di Novara. La prima semifinale della competizione, in scena al Pala Igor, se la aggiudica infatti la Unet E-Work Busto Arsizio 3-1 nonostante l’approccio determinato alla gara della formazione femminile del Consorzio Vero Volley. Una Monza, senza Orthmann e Meijners (tenute a riposo precauzionale per dei fastidi muscolari), che ha comunque mostrato qualità e carattere. Partita fortissimo con i muri di Mariana, agevolati dai turni al servizio di Begic, e le fiammate Heyrman, Ortolani e Danesi a firmare break importanti nel prologo di gara (9-3 e 17-12), la Saugella ha prontamente messo la gara sui giusti binari, senza mai perdere lucidità, fino a chiudere a proprio favore il primo set. Differenti per la squadra di Dagioni sono stati invece il secondo e terzo gioco, conquistati da Busto Arsizio con le giocate del trio Brici-Herbots-Gennari, determinato nel guidare la Unet E-Work a capovolgere l’andamento della gara. Equilibrio invece nel quarto, con Monza brava prima a ricucire uno strappo minimo nella metà del parziale (12-9), poi a sorpassare con gli assoli di Ortolani e Obossa (19-18), meno a concretizzare le occasioni di contrattacco nel finale punto a punto (24-23), risolto da Gennari con un attacco vincente. Le monzesi torneranno in campo domani, domenica 6 ottobre, alle ore 15.30, per il bronzo, contro una tra le padrone di casa di Novara e la Zanetti Bergamo, ora in campo per la seconda semifinale.

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA
Federica Squarcini (centrale Saugella Monza): “Siamo partite molto bene. Poi ci è mancata attenzione nelle cose semplici. Questa gara l’avevamo preparata bene, sia dal punto di vista tecnico che tattico. Ieri abbiamo fatto un ottimo allenamento ed infatti nel primo set abbiamo espresso una bella pallavolo e tanta grinta. In alcuni momenti abbiamo abbassato il livello del gioco, cosa che dobbiamo cercare di evitare soprattutto perchè l’obiettivo deve essere quello di dettarlo. Prendere spunto da questi match però ci servirà molto per crescere e migliorare in vista dell’inizio della stagione. Questo gruppo è giù molto unito. Anche stasera ci siamo aiutate molto durante la gara: un segnale importante che dimostra come la strada che stiamo percorrendo sia quella giusta”.

Nelle foto: Mariana in pipe, Skorupa al palleggio, Parrocchiale esultanza.

Giò Antonelli – Cell.: +39 349.8879385
Ufficio Stampa – Consorzio Vero Volley

Articoli correlati:

  1. A1F> Saugella Monza bloccata da Novara nella semifinale del Memorial Giampaolo Ferrari
  2. A1F> Una Saugella Monza determinata batte in rimonta Busto Arsizio al tie-break al Memorial Ferrari
  3. A1F> Saugella Monza in campo a Novara nel “Memorial Giampaolo Ferrari”
  4. A1F> Saugella Monza a Novara per il Memorial Giampaolo Ferrari
  5. A1F> Saugella Monza fermata a Busto Arsizio: Gara 1 va alla Unet E-Work

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002