CM> La Revolution Litorale in Volley non si ferma più.

È un vero e proprio colpaccio quello messo a segno dai rossoblu domenica sera sul campo dell’Albano, battuto per 3-1 dopo una gara decisamente combattuta, nonostante le assenze pesanti di Stefanini e Priolisi. Dopo aver vinto il primo set per 25-19, i civitavecchiesi hanno subito il ritorno dei padroni di casa, che hanno fatto immediatamente 1-1 (25-20). A decidere il match il terzo parziale, giocato punto a punto e conclusosi con la vittoria di Mancini e compagni ai vantaggi, per 26-24. Una prova di forza che ha dato coraggio al sestetto di Alessandro Sansolini e che invece ha buttato giù i padroni di casa. Nel quarto è ancora la Revolution Civitavecchia a spuntarla per 25-22.
“È stata una vittoria sofferta ma davvero importantissima – spiega capitan Mancini – viste le assenze con le quali dovevamo fare i conti. L’abbiamo spuntata grazie ad una grande prova di squadra. Un plauso particolare va al giovane libero Mellini, che ha sostituito Priolisi. È stato concentrato e teso per tutta la sfida e protagonista di una grandissima prova”.
Grazie a questa vittoria, il sestetto di Alessandro Sansolini si stabilizza al terzo posto a quota 24, a due punti dalla capolista Palianus e ad uno dal Volley Life Viterbo, secondo. Negli ultimi due turni del girone di andata i rossoblu dovranno vedersela sabato prossimo in trasferta contro la Roma 12, sesta forza del girone e squadra decisamente insidiosa, e contro Tarquinia, quartultima.

Ufficio Stampa

Articoli correlati:

  1. CM> La Revolution Litorale In Volley è pronta per il big match
  2. CM> Prima vittoria stagionale per la Revolution Litorale in Volley.
  3. CM> Complicata la partita della Revolution Litorale in Volley
  4. CM> Debutto stagionale in casa per la Revolution Litorale in Volley
  5. CF> Revolution Litorale In Volley: Continuare la striscia di vittoria consecutive

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002