Sicilia: 31 Società sospendono tutte le attività

In riferimento alla situazione dell’infezione da Coronavirus, in linea con le direttive del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, 31 società siciliane di pallavolo hanno deciso di SOSPENDERE TUTTE LE ATTIVITÀ SPORTIVE, COMPRESI GLI ALLENAMENTI DELLE LORO SQUADRE.

Si tratta di un provvedimento drastico che impedirà alle nostre atlete e ai nostri atleti, già fortemente penalizzate/i dalla chiusura dei plessi scolastici, di condurre “normalmente” la vita di tutti i giorni, ma è stato necessario adottarlo per la tutela della loro salute.

Il momento particolarmente complesso che la nostra Nazione sta attraversando, richiede la massima comprensione e collaborazione da parte di tutti, con l’obiettivo di applicare le disposizioni emesse in modo uniforme sull’intero territorio Nazionale.

Società aderenti:
U.S. Ardens Comiso
Provolleyteam Modica
Aurora Volley Siracusa
Kentron Volley Enna
Holimpia Siracusa
Scuola di Pallavolo Regalbuto
C.S.Athena Campobello di Licata
Haka Volley asd
pol. Olimpiakos Marsala
SE.RO. Volley Academy
Asd Cyclopis
GS Motuka
ASD Seven
VOLLEY GELA
Amando Volley ASD
Asd Volley Club Avola
ASD CSI POLISPORTIVA SAN PAOLO
Pallavolo Vigor Mazara
Caccamo Volley Asd
Asd Non Solo Vela – sezione Volley
Volley Erice Entello
Volley Nika
ASD Ypsivolley Castelbuono
Progetto volley School Marsala
NAF Club
ASD paternò Volley
Nike Volley ASD
ASD Dike Pallavolo Modica
ASD Mauro Sport
ASD Eurovolley 2002 Bagheria
ASD New Volley Ragusa

Ufficio comunicazione
U.S. Ardens Comiso A.S.D.

Articoli correlati:

  1. Pallavolo libera: una proposta per tutte le società di volley
  2. CF> L’Holimpia Siracusa accede alla semifinale di Coppa Sicilia
  3. B2F> Marica Caruso rinnova con l’Ardens
  4. BM> Tuscia Team Volley Life: riprese tutte le attività
  5. B2F> Ardens Comiso: le due amichevoli del fine settimana finiscono entrambe 3-0 per le atlete biancorosse.

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002