Robertlandy Simon protagonista assoluto a #campionidacasa

le risposte del gigante cubano

Robertlandy Simon, il “gigante buono”, inaugura la terza settimana consecutiva di #campionidacasa. Il centrale cubano della Cucine Lube Civitanova si è raccontato ai tanti tifosi collegati durante la diretta delle 18 sulla pagina Instagram @asvolleylube. Un viaggio tra passato e presente, arricchito da tante curiosità sul giocatore biancorosso. Scopriamole insieme! Martedì alle 18 nuovo appuntamento con Andrea Marchisio.
Giocheresti con la nazionale italiana se potessi?
“Non credo, non la sento mia. Se dovessi scegliere una nazionale diversa dalla mia preferirei una che non ha vinto nulla, diventerebbe una sfida molto più divertente”
Ricordi la finale mondiale 2010? Tu con Cuba contro Bruno al Brasile?
“Me la ricordo, persa brutalmente 3 a 0. Eravamo una squadra molto giovane ma giocavamo senza paura e senza niente da perdere”
Come mai hai aperto due ristoranti a Civitanova?
“Andavo spesso a Riccione a mangiare nel ristorante brasiliano di Marta e Mauro che ora sono i miei soci. Abbiamo deciso di aprire due locali a Civitanova per averli più vicini, uno dei quali per la stagione estiva”
Il miglior ricordo di Piacenza?
“A Piacenza è iniziata la mia carriera da professionista. Ho iniziato a vivere da solo in un mondo dove non conoscevo nulla, i tifosi si sono comportati benissimo. Uno dei più bei ricordi è la vittoria della Coppa Italia al PalaDozza di Bologna ma ce ne sono tanti altri che mi hanno cambiato la vita”
Come mai poi la scelta Cucine Lube?
“Mi ha dato l’opportunità di tornare in Italia, mi hanno detto che qui si giocava per vincere. Il campionato italiano è il migliore al mondo, i tifosi sono fantastici”
Una volta terminata la carriera pensi di restare a vivere a Civitanova?
“C’è la possibilità, è un bel posto e la gente mi piace”
I piatti marchigiani che preferisci?
“Non li conosco molto ma il ciauscolo mi fa morire (ride)”
Hai giocato con De Cecco e Bruno, chi è meglio?
“Sono grandi palleggiatori e grandi persone, mi trovo bene con entrambi. A fare la differenza sono i piccoli dettagli che però riguardano la squadra non il singolo giocatore”
Ti ha convinto Osmany a venire alla Lube?
“Veramente Matteo Carancini, il team manager, l’ho avuto a Piacenza, è una bravissima persona. Ci provava da tempo a convincermi e alla fine sono venuto. Sicuramente anche Juantorena ha messo un po’ di piccante come dico io”
Sei bravo a variare la battuta, in base a cosa decidi quale fare?
“Decido al momento, provo ad essere il più imprevedibile possibile per fare ace o destabilizzare gli avversari”
La vittoria più bella?
“Sicuramente la finale scudetto dell’anno scorso contro Perugia, giocare lì è davvero difficile e il tifo ti mette tanto sotto pressione”
Oltre a te chi è il centrale più forte del mondo?
“A me piace molto Lisinac, è veramente forte. Ce ne sono tanti altri ma il centrale non fa la differenza in una partita, siamo lì per aiutare la squadra”
La tua prima impressione all’Eurosuole Forum?
“C’è gente sana a cui piace la pallavolo. Il primo allenamento mi è piaciuto tanto”
Cosa mangi il giorno della partita?
“Abbiamo un menù scaramantico: pasta al pomodoro a pranzo, qualcuno in bianco e sempre il pollo”
L’attaccante più difficile da murare?
“Ce ne sono tanti, al centro tutti sono difficili da murare: devi prendere il tempo, tutti hanno un modo diverso di attaccare e devi adattarti a loro”
Quanto conta il gruppo nei risultati della squadra?
“Il nostro è uno sport di squadra, senza gruppo non si vince. Non basta essere un bravo giocatore, se non entri a far parte della “famiglia” non vinci”
Il tuo sestetto ideale?
“Scelgo Sokolov-Bruno; schiacciatori Juantorena e Leal; al centro Lisinac-Muserskiy e Grebennikov libero”
Con che motivazioni sei tornato a far parte della Nazionale Cubana? Resta il sogno Olimpiadi per il 2024?
“Mi piace tornare a casa e dare una mano alla mia nazionale. Hai il tuo popolo al tuo fianco, è vero, non abbiamo vinto e non ci siamo qualificati. Quando in futuro questo gruppo giovane ne avrà la possibilità, il popolo sarà contento”
Quando la squadra è in difficoltà, tu tiri sempre fuori dal buco i compagni, come fai ad essere così positivo?
“Mia madre quando giocava a pallacanestro non mollava mai. Finché non finisce la partita non si molla mai”
Cosa provi quando muri i migliori giocatori?
“Quando li muri nei momenti migliori della partita si prova qualcosa, basta un solo muro nel momento più bello”
Com’è nato il gesto famoso di far girare la palla sul dito prima della battuta?
“Quando ero piccolo i miei giocavano a pallacanestro. Nella nazionale cubana c’era un giocatore che lo faceva. Da lì ho provato ed è rimasto tutt’ora”
Il tuo massimale di salto?
“A Piacenza, 3 metri e 87”.

UFFICIO STAMPA A.S. Volley Lube
ufficiostampa@lubevolley.it

Articoli correlati:

  1. Osmany Juantorena protagonista di #campionidacasa: le risposte del capitano biancorosso
  2. Superlega> Terza settimana di preparazione: anche il centrale Robertlandy Simon al lavoro da mercoledì
  3. Stijn D’Hulst e Robertlandy Simon a caccia del pass per le Olimpiadi di Tokyo con Belgio e Cuba
  4. Jacopo Massari a #campionidacasa: tutte le risposte dello schiacciatore biancorosso
  5. Fabio Balaso si rivela a #campionidacasa

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002