Stagione finita, per la UYBA Champions League e Supercoppa Italiana

L’Assemblea delle Società aderenti alla Lega Pallavolo Serie A Femminile ha deciso, al termine della riunione di lunedì 6 aprile, i termini per la conclusione della stagione 2019/2020, duramente colpita dall’emergenza Coronavirus.
Per quanto riguarda la Serie A1, fatta eccezione per la decisione riguardante l’assegnazione dello scudetto, che sarà demandata alla Fipav, è stato determinato che l’Imoco Conegliano ha vinto la Regular Season, che verranno annullate le retrocessioni, che per l’accesso alle coppe europee 2020/21 sarà considerata la classifica al 16 febbraio 2020.
Per la Unet e-work, seconda in graduatoria, arriva dunque la possiblità di partecipare alla nuova edizione della Champions League, massima competizione continentale, dalla quale manca dalla stagione 2014/15, anno in cui arrivò a giocare la finale.
Non solo: la UYBA sarà protagonista della prossima Supercoppa Italiana, proprio contro l’Imoco Conegliano.
Giuseppe Pirola (presidente UYBA Volley): “Il flagello del Coronavirus ha colpito anche la pallavolo e, anche se a malincuore, abbiamo deciso di sospendere le attività: è stato inevitabile. Nella speranza che la situazione sanitaria migliori e che ci siano presto le condizioni per tornare a parlare di sport e di partite, non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per la nostra stagione, che ci ha portato in alto, come mai negli ultimi anni: la qualificazione a Supercoppa e Champions ne sono i risultati tangibili”.

Ufficio Stampa UYBA – Giorgio Ferrario

Articoli correlati:

  1. Coppe europee, stagione da record: finale tutta italiana in CEV Champions League e “triplete” già in bacheca!
  2. A1F> UYBA@HOME!
  3. A1F> Coranavirus: sospesa UYBA-Zanetti Bergamo
  4. Supercoppa Italiana: Imoco Volley Conegliano e Igor Gorgonzola Novara si contendono il primo trofeo della stagione.
  5. A1F> UYBA, ecco le maglie per la stagione 2018/2019

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002