Giro Volley: facciamo bella figur…ina

Anche in questa situazione di emergenza e contro il lockdown al quale lo sport è stato costretto, la Giro Volley ha continuato a stare vicino ad Atleti e Famiglie ricevendo in cambio una risposta straordinaria con l’incredibile successo della 3^ edizione dell’Album di Figurine “Giro Volley” edizione 2019-2020.
Quasi esauritie le 10.000 bustine di figurine e le 250 copie dell’album che vengono spediti direttamente presso il domicilio di chi ne fa richiesta; una gara alla ricerca delle oltre 299 figurine della raccolta, che ha visto coinvolti atleti e atlete di tutte le categorie, tecnici, sostenitori, genitori, zii e nonni, tutti quanti in gara per completare la raccolta e vincere la mitica Felpa “Girovolley…a way of life”.
Importanti premi anche per i concorsi “COMPLETA LA TUA SQUADRA”, “COMPLETA LE PRIME SQUADRE” e “COMPLETA LO STAFF” che hanno fatto scattare l’entusiasmo di grandi e piccini.
La Giro Volley però non ha dimenticato, data la sua vocazione extra-sportiva ed indirizzata ai più deboli e bisognosi. Quindi, tanto gioco, tanto divertimento ma anche, e soprattutto, tanta solidarietà nel nome della Pallavolo. Grazie infatti al coinvolgimento diretto di alcuni atleti, l’intero utile dell’iniziativa verrà devoluto alla Comunità di Sant’Egidio, riferimento fondamentale, soprattutto in questo periodo, per i meno fortunati.
“Sei un vero sportivo se come atleta ti comporti con spirito sportivo e con lealtà anche fuori dallo Stadio ed in qualunque azione della tua vita”; così recita il Codice del Comitato Olimpico Internazionale inserito nell’Album ed è con questa idea che la Giro Volley prosegue il suo percorso e il suo impegno.

Ufficio Stampa

Articoli correlati:

  1. Giro Volley: “Facciamo una bella figur…ina”
  2. U20F> Giro Volley, esordio convincente
  3. 1DF> Giro Volley salva con merito
  4. Torneo Roma – Giro Volley, poker calato
  5. 1DF> Giro Volley, inesperienza decisiva

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002