Vincolo Sportivo: la condivisione di Ivan Zaytsev

Essere un personaggio pubblico non serve a niente se non si ha il coraggio della solidarietà anche quando il problema in oggetto non è il tuo. Altrimenti si chiamerebbe convenienza, a stare zitti, a non farsi altri nemici a non voler essere sempre etichettati come “scomodi”…
Il mio cartellino fu pagato nel 2006 500.000 euro, il secondo più alto nella storia della pallavolo, stavo per compiere appena 18 anni.
Fu pagato il cognome che porto, di certo non la prospettiva sul mio futuro di palleggiatore scarso qual ero.
Mai avrei potuto liberarmi a quella cifra in tutta la mia vita, riuscii a farlo solo andando a giocare come atleta professionista all’estero per due anni.
Questa è la mia storia finita bene, ma quante altre storie sommerse ci sono che non fanno rumore?
E se Luca è stato duro nelle sue parole non lo si può certo biasimare, sono anni, anzi decenni che alziamo il problema con garbo, educazione e rispetto senza mai nessuno che ci abbia dato una risposta o abbia messo davvero mano a questa storia.

Ivan Zaytsev

Articoli correlati:

  1. Vincolo Sportivo: l’indignazione sacrosanta di Luca Vettori
  2. Club Arezzo schiaccia il Vincolo Sportivo
  3. Infortunio alla caviglia per Ivan Zaytsev
  4. Vincolo Sportivo: disegno di Legge per l’abolizione
  5. Il vincolo sportivo, un male che non si estirpa

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002