B2F> Sudano, Matarazzo e Chiarandà rinnovano: il roster dell’Ardens Comiso prende forma

L’Ardens Comiso incassa altri tre importanti “sì” e raggiunge gli accordi per i rinnovi di Marta Sudano, Shyaron Matarazzo e Alice Chiarandà. Le tre atlete faranno parte del roster di B2 anche nella stagione 20/21 e saranno a disposizione di coach Marchisciana che proverà a migliorare l’ottimo quarto posto della stagione scorsa.
Marta Sudano è cresciuta nel vivaio della società comisana e ha contribuito a scrivere la storia dell’Ardens: dalle giovanili fino alla prima squadra. Sudano ha dedicato la propria carriera sportiva ai colori biancorossi e non ha potuto dire di no alla proposta della dirigenza di continuare un altro anno e contribuire nella crescita delle più giovani.
Shyaron Matarazzo, giovane promessa della pallavolo comisana, continuerà a dare il suo contributo, dopo aver esordito in serie B la scorsa stagione con delle prestazioni di tutto rispetto. Quando è stata chiamata in causa, Matarazzo si è sempre fatta trovare pronta e la prossima stagione potrebbe trovare ancora più spazio e dare sfogo a tutte le sue potenzialità fisiche e tecniche.
Alice Chiarandà, anche lei di Comiso, cresce sportivamente nell’Ardens, conquista diversi campionati giovanili ed è una delle trascinatrici carismatiche dello spogliatoio. Un’atleta sempre pronta e determinata quando chiamata in causa in B2 e pedina chiave del roster di serie D la scorsa stagione. Sarà fondamentale anche nella prossima che potrebbe vedere la seconda squadra dell’Ardens approdare in serie C.

U.S. Ardens Comiso A.S.D.

Articoli correlati:

  1. B2F> La giovanissima Shyaron Matarazzo riconfermata nella prima squadra dell’Ardens Comiso
  2. B2F> La storia continua: Marta Sudano rinnova con l’Ardens Comiso
  3. Giovanile> Il settore tecnico dell’Ardens Comiso prende forma
  4. Per l’U.S. Ardens Comiso è già tempo di bilanci.
  5. B2F> Arriva un altro rinnovo in casa Ardens Comiso

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002