Superlega> Jan Hadrava dopo le prime due settimane di preparazione

“Onorato di essere qui, si sta formando una grande squadra”

Ultimo allenamento tecnico all’Eurosuole Forum nel pomeriggio di venerdì per la Cucine Lube Civitanova, che chiuderà la seconda settimana di preparazione con la seduta di atletica del sabato mattina: la ripresa è in programma lunedì, dopo la domenica di riposo concessa dallo staff tecnico guidato da coach Fefè De Giorgi. È già tempo di un piccolo bilancio per Jan Hadrava, uno dei nuovi volti del Club cuciniero, arrivato in biancorosso nel corso del mercato estivo.

“È un piacere essere qui – dice l’opposto ceco classe 1991 – prima di tutto mi sento onorato di vestire questa maglia, so di avere una grande responsabilità di dover dare il massimo, sono pronto a farlo. Ho preso i primi contatti con l’ambiente dopo il mio arrivo nelle Marche due settimane fa, la cosa più importante è che abbiamo ricominciato ad allenarci e questa è un aspetto molto positivo dopo quanto successo nei mesi scorsi. In attesa che inizi il campionato e si ricominci anche a giocare partite. Il primo contatto di Civitanova? Ho cercato subito di scoprire la città e la sua spiaggia, nei momenti liberi. Il posto è molto bello, le persone sono molto cordiali e gentili, è una città non troppo grande ed è perfetto per me, mi piace molto e le prime impressioni sono ottime”.

“Il campionato italiano è sicuramente il miglior campionato nel Mondo – prosegue Jan, che si troverà alle prese per la prima volta nella sua carriera con il campionato di SuperLega – lo considero la NBA del volley. Che dire, per me è un sogno poter essere qua e giocare in una squadra come la Cucine Lube Civitanova lo è altrettanto. Ci attende una stagione molto difficile in un campionato di altissimo livello. Mi auguro di poter ritrovare il prima possibile la gente nei palasport, così potrò conoscere i miei nuovi tifosi da vicino. Ho visto l’Eurosuole Forum pieno in tv e so che il tifo è molto caldo, spero davvero che tornino presto qui e di far gioire chi si sostiene con risultati importanti”.

“So anche che la Lube ha giocato negli ultimi anni spesso con squadre ceche come Liberec, Karlovarsko, Ceske Budejovice – spiega Hadrava pensando anche alla prossima edizione della Champions League – magari ricapiterà anche nella prossima edizione. Vedremo il sorteggio, sicuramente mi farebbe molto piacere ritrovare una formazione della mia nazione. Ora, però, pensiamo alla preparazione, un’estate senza Nazionale è difficile da descrivere, abbiamo iniziato prima del solito e questo vale per tutte le squadre. Sicuramente per noi è un’opportunità da sfruttare, non è semplice avere tutta la squadra a disposizione in questa fase ed è un vantaggio per creare subito un bel feeling e per chi potrà usufruire un po’ di riposo in più rispetto ad una stagione ricca di impegni con le Nazionali”.

“La prima fase preparazione è dura perché molto fisica – conclude Jan – credo che si sta formando una bella squadra: mi trovo bene con tutti e sto iniziando a parlare italiano, riesco a capire molto grazie alla mia conoscenza del francese e dello spagnolo, quest’ultima una lingua sicuramente molto usata in spogliatoio vista la presenza di ben quattro ragazzi cubani e un argentino. Conoscevo già, inoltre, coach Fefè De Giorgi dopo la mia esperienza in Polonia, si lavora molto con lui e la cosa mi piace, stiamo iniziando in questi giorni ad effettuare i primi salti. Ho l’opportunità di giocare con atleti di grande esperienza e livello, sono pronto ad imparare molte cose da loro”.

UFFICIO STAMPA A.S. Volley Lube
ufficiostampa@lubevolley.it

Articoli correlati:

  1. Superlega> Simone Anzani e primi giorni di preparazione
  2. B1M> Massa: ultime settimane di preparazione
  3. Superlega> Latina: continua la preparazione.
  4. Superlega> Lube: Annullato l’allenamento congiunto con Ortona, si chiude la quinta settimana di preparazione
  5. Superlega> Marco Falaschi e le prime impressioni in biancorosso

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002