A2M> La precisione di Daniele Busi al servizio di coach Graziosi

Daniele Busi viene confermato secondo allenatore, affiancherà coach Graziosi per la nuova stagione.

Bergamasco di San Giovanni Bianco classe 1983, Daniele ha una pluriennale esperienza di alto livello come allenatore giovanile nella Foppapedretti, gestendo gruppi di talenti militanti in under 13/16 e serie D, e già direttore tecnico del settore femminile in quel di Zogno. Ha allenato anche squadre di livello regionale come la Serie C di Mozzo come primo allenatore, e porta con sè l’importante esperienza da scoutman all’interno dello staff di Lega volley femminile. Protagonista nella scorsa stagione della vittoria di Coppa Italia a Bologna, nella cui Arena si era appassionato al team già dallo scorso anno, Daniele ha maturato nell’ultimo anno un forte senso di appartenenza ai colori bergamaschi, soprattutto dopo il periodo di emergenza che la città ha subito.

Daniele è un appassionato di sport che spazia dagli ambiti più disparati occupando il suo poco tempo libero dividendosi tra le sue passioni. Ingegnere elettronico, insegna in un istituto superiore di Bergamo elettronica e telecomunicazioni, appassionato di sci, alpinismo e trial running (quest’ultima disciplina disputata a livello agonistico). Molto preciso in ambito professionale, ma estroso nella vita privata, amante della montagna e dei viaggi.

“Sono contento e onorato di questa conferma, vuol dire che è stato apprezzato il lavoro svolto lo scorso anno: questa per me è una grande soddisfazione. Quest’anno avrò la fortuna di lavorare con un altro grande allenatore che ha avuto esperienze in A1 e in Nazionale per cui avrò modo di continuare il mio percorso di formazione interrotto in brusco modo a seguito di un virus che ha fatto molto male alla nostra gente. C’è voglia di ricominciare e lo si farà unendo le forze con una seria società come Cisano. Questa cosa può solo far del bene al volley maschile bergamasco,garantendo anche quest’anno la presenza di una squadra in serie A.

La ricetta per far funzionare un gruppo nuovo ed eterogeneo? Cambiare tanti giocatori vuol dire sicuramente avere difficoltà iniziali su alcune cose tattiche. Ho avuto modo di scambiare due parole con Graziosi su ciò e lui è molto tranquillo. Lo sono anch’io perchè il livello dei giocatori è elevato, tutti hanno fatto la scelta di venire o restare a Bergamo, per cui saranno motivati di onorare e difendere la coccarda tricolore che avremo cucito sul petto, e credo che queste motivazioni saranno una buona base di partenza su cui andare a lavorare nei prossimi mesi.”

Foto: Luca Giuliani

Linda Stevanato- Ufficio stampa Agnelli Tipiesse

CURRICULUM SPORTIVO

2019-20: 2°allenatore Olimpia Bergamo

2018-19: 1°allenatore U14F e U16F VL Teen Volley Lurano
2017-18: 1° allenatore U13F e U14F VL Teen Volley Lurano
direttore tecnico settore giovanile femminile Pallavolo Zogno
scoutman di Lega Volley serie A femminile per conto di TiebreakTech
2016-17: 1° allenatore U13F Volley Bergamo Foppapedretti
2015-16: 1° allenatore U13F Volley Bergamo Foppapedretti
primo allenatore serie C F Pallavolo Mozzo
2014-15: 1° allenatore U13F Volley Bergamo Foppapedretti
2013-14: 2°allenatore U16F – Serie D Volley Bergamo Foppapedretti.
2012-13: 1° allenatore U13 misto Pallavolo Zogno
2° allenatore U16F – serie D Volley Bergamo Foppapedretti.
2011-12: 1° allenatore U16F – 3a DIV. Valpala
2° allenatore U16F – 1a DIV. Volley Bergamo Foppapedretti.
2010-11: 1° allenatore Celadina 3a DIV
2° allenatore U16F – 2a DIV Volley Bergamo Foppapedretti.

Foto: Luca Giuliani

Linda Stevanato- Ufficio stampa Agnelli Tipiesse

Articoli correlati:

  1. A2M> Olimpia Tipiesse: Rota e Sormani in prima squadra a disposizione di coach Graziosi
  2. A2M> Bergamo sfiderà la tempesta con coach Gianluca Graziosi!
  3. A2M> Sora saluta e ringrazia Coach Daniele Ricci
  4. A2M> Sora, la nuova guida tecnica è Coach Daniele Ricci
  5. A2M> Olimpia Bergamo: Gianluca Graziosi riprende il progetto

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002