B1F> Picco Lecco: la conferma di Sonia Ratti

Un’altra conferma in questo volley mercato biancorosso: la Pallavolo Lecco Alberto Picco riconferma, nel ruolo di opposto per la stagione 2020/2021, la giovane Sonia Ratti che vestirà la maglia biancorossa per il secondo anno consecutivo.
Dopo un’annata disputata ad altissimo livello la riconferma della giovane opposta, insieme alle compagne, è per la società un segno importante di continuità con il lavoro interrotto bruscamente nella passata stagione. A Sonia vanno i nostri più sinceri auguri per una stagione ricca di soddisfazioni come quelle passate in cui possa dimostrare tutto il suo potenziale in cui la società crede fermamente.

Queste le parole di Sonia Ratti, dopo la firma con la società:
“La scelta di rimanere per il secondo anno consecutivo con la Pallavolo Picco Lecco è stata dettata dal fatto che con la società mi sono trovata davvero benissimo e dal progetto che mi è stato proposto che mi ha fin subito convinta. Firmare per la Picco era inevitabile!
Dato che quest anno giocherò nel ruolo di opposto il mio obiettivo personale è quello di crescere non solo personalmente ma anche agonisticamente considerato che questo sarà un nuovo ruolo per me.
Sono molto contenta della nuova squadra e come obiettivo collettivo spero che si crei un bel gruppo così da lavorare bene e sempre al massimo in modo tale da raggiungere più traguardi possibili.
A breve inizierà la nuova stagione e non sto davvero più nella pelle. Non vedo l’ora di tornare al palazzetto per conoscere ed allenarmi insieme alle mie nuove compagne.”

Ufficio Stampa

Articoli correlati:

  1. B1F> Picco Lecco: Conferma Arianna Lancini – Stagione 2020/2021
  2. B1F> Picco Lecco: arriva la conferma di Gianfranco Milano
  3. B1F> Continua imperterrito Il volley mercato della Pallavolo Lecco Alberto Picco
  4. B1F> Picco Lecco: un altro anno con Stefania Dall’Igna
  5. B1F> Picco Lecco: la seconda “new entry” è Greta Valli

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002