A2M> Brescia, occasione sciupata a Lagonegro!

La Consoli Centrale McDonald’s soffre nell’attacco di banda, prova a stare nel match con il gioco al centro e con Bisi e, nonostante chiuda con percentuali migliori dell’avversario in tutti i fondamentali, sbaglia troppo e non entra mai davvero in partita, regalando a Lagonegro la posta piena

In campo
Coach Tubertini sorprende tutti e schiera Vedovotto come libero (Santucci e Russo sono indisponibili) Salsi e Scuffia sulla diagonale, Mazzone e Marretta in banda, Spadavecchia e Maccarone al centro e Tiurin in panchina. Tucani schierati con Tiberti e Bisi, Cisolla e Galliani in posto quattro, Esposito e Candeli al centro; Franzoni difende la seconda linea.

Il match in pillole
Primo set in cui entrambe le formazioni attaccano con percentuali basse, ma Brescia regala troppo in prima linea e dai nove metri: i 14 errori dei Tucani fanno la differenza (25-22). Nel secondo parziale Cisolla e Galliani faticano a trovare le traiettorie di attacco; Tiberti sfrutta Bisi e i suoi centrali più che può, ma sono ancora troppi i regali, per un avversario ben più determinato (25-23). Reazione nel terzo per Brescia che approfitta del calo di Lagonegro e sembra ritrovare smalto (14-25). Quarto set più vivo con Tiberti a risolvere spesso situazioni difficili, ma Brescia sciupa il vantaggio di cinque lunghezze in avvio e subisce un break pesante (da 5-10 a 16-12) dal quale riesce a riemergere fino al 21 pari di Bisi. Manca la cattiveria che serve per arrivare al tie break. 25-23 e 3-1 per i padroni di casa che hanno attaccato, ricevuto e murato meno bene di Brescia, ma conquistano 3 punti.
Molto buone le prove di Candeli (16 punti con 4 block e 86% in attacco), Esposito (11 punti, 1 muro e 67% in attacco con 3 errori al servizio) e del solito Bisi (20 punti, 1 ace, 2 muri, ma 5 errori al servizio)

Il commento
Coach Zambonardi: “Noi oggi avevamo qualche difficoltà nell’attacco da posto quattro, ma avremmo dovuto ricevere molto meglio per facilitare il gioco di Tiberti al centro e non ci siamo riusciti, nonostante il servizio di casa non fosse irresistibile. Lagonegro ha fatto il suo, in linea con il livello di questo campionato, ma abbiamo perso noi questo match e abbiamo buttato via punti mancando di aggressività. Pazienza, guardiamo avanti al prossimo incontro con Mondovì in casa”.
Nicola Candeli: “Abbiamo avuto poca lucidità su alcuni contrattacchi che nei primi due set avrebbero potuto girare i parziali ed è un peccato perché abbiamo visto che, spingendo, abbiamo avuto un risultato diverso nel terzo. Nel quarto eravamo avanti, ma abbiamo subito un turno di battuta e un break che ci hanno scoraggiato. Loro hanno difeso bene, noi troppo poco. Oggi ci è mancata quella reazione che spesso troviamo anche quando le cose vanno male”.

ll tabellino
CAVE DEL SOLE GEOMEDICAL – CONSOLI CENTRALE McDONALD’S 3 – 1
(25-22; 25-23; 14-25; 25-23)
BRESCIA: Orlando ne, Tasholli 1, Tiberti 1, Crosatti (L) ne, Cogliati 1, Bergoli, Bisi 20, Franzoni (L), Galliani 8, Candeli 16, Esposito 11, Cisolla 11, Tonoli ne. All. Zambonardi.
LAGONEGRO: Mazzone 12, Spadavecchia 7, Salsi 1, Marretta 15, Maccarone 4, Russo ne, Vedovotto (L), Molinari 1, Tiurin 5, Scuffia 11, Bellucci. All. Tubertini
Note:
Ace Brescia 4, Lagonegro 5.
Battute sbagliate Brescia 19, Lagonegro 15
Muri Brescia 9, Lagonegro 6
Attacco Brescia 49%, Lagonegro 42%
Ricezione Brescia 52% (36% perfetta), Lagonegro 48% (29% perfetta)
Durata: 27’ 29’ 22’ 97′ . Totale: 1h46
Arbitri: Davide Morgillo e Matteo Talento; addetto video check Eustachio Papapietro.

ufficiostampa@atlantidepallavolobrescia.it
Cinzia Giordano Lanza +39 339 8669530

Articoli correlati:

  1. A2M> Brescia corsara: tre punti d’autorità contro Lagonegro!
  2. A2M> Brescia ruggisce davanti al suo pubblico e stende Lagonegro
  3. A2M> Brescia non graffia e torna da Lagonegro senza punti
  4. A2M> Brescia torna a volare: 3-0 a Lagonegro
  5. A2M> Una Centrale Sferc McDonald’s spietata annulla Lagonegro

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002