Del Monte® Coppa Italia SuperLega: Civitanova, Perugia e Trento staccano il pass per l’Unipol Arena

Risultati Quarti Del Monte® Coppa Italia SuperLega
Cucine Lube Civitanova – Kioene Padova 3-0 (25-13, 25-12, 25-16)
Sir Safety Conad Perugia – Consar Ravenna 3-1 (25-27, 26-24, 26-24, 25-21)
Itas Trentino – Allianz Milano 3-0 (25-22, 25-21, 25-21)

Cucine Lube Civitanova: De Cecco 3, Juantorena 11, Anzani 7, Rychlicki 10, Leal 4, Simon 9, Marchisio (L), Balaso (L), Yant Herrera 7, Falaschi 0, Diamantini 0, Kovar 2, Hadrava 3. N.E. Larizza. All. De Giorgi. Kioene Padova: Ferrato 2, Wlodarczyk 4, Vitelli 6, Stern 5, Bottolo 4, Volpato 1, Gottardo (L), Casaro 0, Danani La Fuente (L), Canella 1, Milan 2. N.E. Fusaro, Merlo. All. Cuttini. ARBITRI: Cerra, Brancati. NOTE – durata set: 19′, 18′, 22′; tot: 59′.

Il 2021 continua a sorridere alla Cucine Lube Civitanova, che dopo le 6 vittorie su 6 partite in campionato scopre il settebello contro la Kioene Padova nel quarto di finale della Del Monte Coppa Italia, una vittoria in tre set (25-13, 25-12, 25-16) che in meno di un’ora (59’ la durata totale della sfida) le assegna il biglietto per la final four (l’undicesima consecutiva per i cucinieri, vincitori del trofeo in sei occasioni) che si disputerà questo week end all’Unipol Arena di Bologna. I campioni del mondo, detentori del titolo dopo la vittoria conquistata la passata stagione nel medesimo impianto battendo in finale Perugia, nella prima semifinale in programma sabato alle 15.30, affronteranno la vincente del quarto di finale tra Modena e Monza. Partita tutta in discesa quella dei marchigiani contro la Kioene, forzatamente orfana del palleggiatore americano Shoji, sostituito dal baby Ferrato). In campo col sestetto tipo, nel primo set la formazione allenata da Ferdinando De Giorgi ha imposto da subito il suo ritmo forte della buona vena al servizio, e soprattutto del buon lavoro nel muro-difesa (dove spicca anche la prova di Rychlicki), puntualmente capitalizzato dall’efficacia degli attaccanti banda. Lube avanti 6-2 dopo un ace del sopra citato opposto lussemburghese, ricercatissimo anche in fase di contrattacco (6 punti, 57%) unitamente a Osmany Juantorena, innescato a ripetizione (e con ottimi risultati: 7 punti col 100% su 5 schiacciate) anche da posto 6. Sono proprio sue le due pipe (vincenti) consecutive che spingono sul 16-9 la Cucine Lube, brava a saper marciare spedita (70% in attacco contro il 36% dei veneti, 3-0 nei muri e 3-0 negli ace) e senza intoppi fino al 25-13 finale. Nel secondo set De Giorgi inserisce nel sestetto iniziale Marlon Yant 8 finirà la gara con 7 punti, 60% in attacco e 1 muro), concedendo un po’ di riposo Leal. E la trama è la medesima di quella precedente, con la Cucine Lube che spicca subito il volo, trascinata da un Osmany Juantorena che si fa valere anche a muro (suo il blocco vincente del 9-4) oltre che quando viene chiamato in causa dal regista De Cecco. Il parziale si chiude virtualmente col muro di Simon che fissa il momentaneo 19-9, mentre dall’altra parte del campo il tecnico Cuttini prova a pescare dalla panchina (dentro l’ex di turno Sebastiano Milan) nel tentativo (vano) di cambiare la rotta della sfida. De Cecco chiude con un tocco di seconda intenzione sul 25-12 un parziale che vede la Lube registrare numeri strepitosi nel proprio tabellino: 86% di squadra in attacco (con Juantorena che si mantiene al 100%), 86% di positività in ricezione col 55% di perfette, 1 muro e 1 ace. E il monologo della Cucine Lube prosegue anche nel terzo set, nel quale dall’inizio si vede Kovar al posto di Juantorena, autore di 11 punti totali che registra il 100% finale in attacco e 3 ace. Dal 14-5 trova spazio in campo la diagonale Falaschi-Hadrava, e dal 19-11 anche Diamantini, entrato al posto di Simon. Finisce 25-16.

Jan Hadrava (Cucine Lube Civitanova): “Siamo molto contenti per la qualificazione alla final four, non conosciamo ancora l’avversario ma in ogni caso si tratterà di una partita tosta, vista la posta in palio. Oggi è filato tutto molto liscio per noi, sicuramente positivo anche il fatto che abbia trovato spazio in campo anche chi non ha l’opportunità di giocare con tanta continuità. Ora testa a Bologna”.
Sebastiano Milan (Kioene Padova): “È stata una partita a senso unico e anche non poteva essere preventivabile mi dispiace, perché al di là della qualità dell’avversario dovevamo sicuramente mettere qualcosa di più in campo. Che questa sconfitta così netta ci serva di lezione per le prossime partite, specialmente adesso che sta per finire la Regular Season e prenderanno quindi il via i play off”.

Sir Safety Conad Perugia – Consar Ravenna 3-1 (25-27, 26-24, 26-24, 25-21) – Sir Safety Conad Perugia: Travica 2, Leon Venero 25, Russo 5, Atanasijevic 17, Plotnytskyi 19, Solé 16, Biglino (L), Vernon-Evans 0, Colaci (L), Piccinelli 0, Zimmermann 0, Ricci 1, Ter Horst 1. N.E. Sossenheimer. All. Heynen. Consar Ravenna: Redwitz 1, Recine 20, Grozdanov 10, Pinali 11, Loeppky 11, Mengozzi 9, Giuliani (L), Kovacic (L), Zonca 0, Batak 0, Stefani 0, Koppers 0. N.E. Arasomwan, Pirazzoli. All. Bonitta. ARBITRI: Piana, Curto. NOTE – durata set: 36′, 29′, 30′, 32′; tot: 127′.

Suda le proverbiali sette camicie, e forse anche qualcuna in più, la Sir Safety Conad Perugia che però alla fine supera in quattro set un’ottima Consar Ravenna nei Quarti di Finale di Del Monte®Coppa Italia e stacca il biglietto per la Final Four di Casalecchio di Reno in programma nel fine settimana. Match combattutissimo, quasi sempre sul filo dell’equilibrio, con gli ospiti di coach Bonitta che se la giocano con carattere e qualità tecniche mettendo in mostra un super Recine (20 punti alla fine per il giovane martello con 2 muri e 3 ace) ed un sistema di gioco ordinato ed efficace. Perugia, che lancia dal primo punto i rientranti Atanasijevic e Russo, va a strattoni, sbaglia parecchio (34 alla fine gli errori gratuiti contro i 16 degli avversari), ma ha il merito di restare sempre attaccata al match facendo leva sul servizio (decisivi alcuni turni di Leon e di Plotnytskyi) e sul muro (13 i vincenti, 4 di Solè). È proprio Solè l’Mvp della sfida. Il centrale argentino ne mette a terra 16 col 71% in primo tempo. Doppia cifra anche per Leon (25 con 5 ace), Plotnytskyi (19 con 4 ace) ed Atanasijevic (17 palloni vincenti). Perugia viaggia dunque in direzione Bologna dove sabato affronterà in semifinale Trento, vincente con Milano.

Oleh Plotnytskyi (Sir Safety Conad Perugia): “Queste sono partite secche, contava solo vincere, 3-0, 3-1 o 3-2 non cambia. L’obiettivo era andare a Bologna in Final Four e lo abbiamo centrato. Faccio i complimenti a Ravenna che ha giocato molto bene”.
Marco Bonitta (Consar Ravenna): “Faccio un grande applauso ai ragazzi che hanno fatto una straordinaria partita, di grande attenzione tattica, lucidità mentale, e il fatto di avere tenuto la miglior squadra d’Italia, e probabilmente la miglior squadra del mondo, due ore in campo lottando fino all’ultimo pallone la dice lunga. Abbiamo fatto un passo avanti, ora si tratta di cercare di portare a casa quanto di positivo c’è comunque in questa sconfitta, e c’è tanto, per il finale di stagione. Ci eravamo meritati sul campo di essere qua oggi e siamo venuti qui sapendo che nessuno ci aveva regalato nulla. È importante e straordinario vedere come i ragazzi hanno provato fino in fondo a giocarsi questa opportunità, arrivando tre volte ai vantaggi nei primi tre set”.

Itas Trentino: Giannelli 3, Santos De Souza 11, Lisinac 6, Abdel-Aziz 17, Michieletto 7, Podrascanin 5, De Angelis (L), Sosa Sierra 0, Argenta 0, Rossini (L), Kooy 1. N.E. Sperotto, Cortesia. All. Lorenzetti. Allianz Milano: Sbertoli 1, Ishikawa 11, Kozamernik 6, Patry 7, Maar 8, Mosca 8, Pesaresi (L), Staforini (L), Daldello 0, Weber 1, Urnaut 2. N.E. Basic, Piano, Meschiari. All. Piazza. ARBITRI: Zanussi, Puecher. NOTE – durata set: 27′, 24′, 25′; tot: 76′.

L’Itas Trentino conquista per la dodicesima stagione consecutiva l’accesso alla Final Four di Coppa Italia grazie al 3-0 imposto all’Allianz Milano nel derby delle polizze previsto nel quarto di finale giocato questa sera alla BLM Group Arena. Tre settimane dopo il match di regular season, la formazione allenata da Angelo Lorenzetti è riuscita a confermare la propria superiorità, inanellando la sedicesima vittoria consecutiva ed ottenendo lo stesso risultato conquistato lo scorso 6 gennaio. In questo caso l’affermazione è stata meno netta ma comunque indiscutibile, visto che la formazione di casa ha sempre guidato le operazioni del gioco, sfruttando bene la propria vena a rete: 66% di squadra con i picchi di Michieletto (78%), Lisinac (alla centesima partita, 86%) e la continuità di Nimir (mvp con 17 punti, il 67%, due ace ed un muro). Milano si è affidata alle fiammate di Ishikawa per tenere il ritmo per buona parte di ogni set; troppo poco però per sperare di conquistare la sua prima semifinale della storia.

Simone Giannelli (Itas Trentino): “Questa sera siamo stati molto concreti e volevamo essere così perché sappiamo che le insidie in Coppa Italia sono sempre dietro l’angolo. Siamo stati molto continui e ci siamo guadagnati l’accesso alla Final Four; per Trento è una bella abitudine e dimostra come questa squadra sappia sempre restare ad alti livelli”.
Jean Patry (Allianz Milano): “Non è stato facile combattere con una squadra come Trento che ha nel servizio un’arma molto forte. Noi, dal canto nostro, non abbiamo trovato quella continuità in battuta che ci serviva e questo ha fatto la differenza. Adesso ci aspettano le ultime partite di campionato che sono molto importanti: dobbiamo ricominciare e dobbiamo fare il nostro. Dobbiamo sfruttare le nostre chances per arrivare in alto”.

Final Four Del Monte® Coppa Italia
Il programma dell’evento

Del Monte® Finali Coppa Italia
Unipol Arena – Casalecchio di Reno (BO)
Sabato 30 gennaio 2021, ore 15.30
1a Semifinale
Cucine Lube Civitanova – vincente Quarti 4a–5a
Diretta RAI Sport
Diretta streaming su raiplay.it

Sabato 30 gennaio 2021, ore 18.00
2a Semifinale
Sir Safety Conad Perugia – Itas Trentino
Diretta RAI Sport
Diretta streaming su raiplay.it

Domenica 31 gennaio 2021, ore 18.00
Finale
Diretta RAI Sport
Diretta streaming su raiplay.it

Articoli correlati:

  1. Del Monte® Coppa Italia SuperLega Final Four: Civitanova supera 3-2 Trento nella festa dei 9.000 all’Unipol Arena.
  2. Del Monte ® Coppa Italia SuperLega Finale : La Sir Safety Conad Perugia ribalta lo 0-2 e si concede il bis con la Cucine Lube Civitanova
  3. Del Monte® Coppa Italia SuperLega: la Finale sarà ancora Civitanova – Perugia.
  4. Del Monte ® Coppa Italia SuperLega Finale : Civitanova alza al cielo il trofeo tricolore per la sesta volta.
  5. Del Monte Coppa Italia A1 Final Four: La Sir Safety Perugia alla prima Finale della sua storia.

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002