B2F> Prestazione imperiosa della De Mitri – Energia 4.0

Prestazione imperiosa della De Mitri – Energia 4.0 che supera Teramo 3-0 (19, 22, 16) e veleggia in testa alla classifica del girone I2 della B2 di pallavolo femminile. A Porto San Giorgio si sale sull’ottovolante con una squadra ancora imbattuta, nonostante abbia una formazione basata sul settore giovanile, rinforzato dai “tre soprani” Tiberi, Di Marino e Benazzi. Davanti alla terza forza del campionato, allenata egregiamente da Jana Kruzikova e sospinta in campo da una Lestini abituata a calcare palcoscenici superiori, le rossoblù hanno recitato un monologo di una precisione impressionante e di un’efficacia devastante, appena intaccata nel secondo set da un tentativo di rimonta delle abruzzesi, abortito grazie anche all’esordio della giovane calabrese Ceravolo, classe 2004. L’atteggiamento mentale, ancor più che i numeri, rendono pienamente l’idea dell’andamento della gara, con la formazione di coach Capriotti che non si è mai fermata nella continua ricerca del gioco, andando a scalfire (attacco dopo attacco) le resistenze della coriacea formazione teramana. Una prova di forza che però ancora non consegna nulla alla De Mitri – Energia 4.0, chiamata dal calendario alle ultime due gare della prima fase contro Pagliare in trasferta prima e contro la rinata Pescara poi, per chiudere in casa la regular season. I tabellini della De Mitri – Energia 4.0: Ragni 10, Caruso 1, Cappelletti 1, Nardi 1, Vallesi 1, Di Clemente (L1), Gulino, De Angelis, Ceravolo 3, Benazzi 17, Paniconi (L2), Tiberi 5, Di Marino 5, Beretti 8. All.: Capriotti-Ruggieri.

Ufficio Stampa

Articoli correlati:

  1. B2F> Terza vittoria in tre partite per la De Mitri – Energia 4.0
  2. B2F> Splendida impresa esterna per la De Mitri – Energia 4.0
  3. B2F> La De Mitri – Energia 4.0 sale sul Settebello
  4. B2F> La De Mitri – Energia 4.0 fa suo il derby di Fermo
  5. B2F> De Mitri – Energia 4.0: vittoria del cuore

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002