B1F> Definita la marcia di avvicinamento al campionato della Chromavis Abo

Due tornei e altrettanti allenamenti congiunti per la formazione di Giorgio Bolzoni, che debutterà a metà ottobre

OFFANENGO (CREMONA), 5 AGOSTO 2021 – Due tornei e altrettanti allenamenti congiunti. Sono queste le coordinate della marcia di avvicinamento al debutto in campionato della Chromavis Abo, formazione cremasca che parteciperà alla B1 femminile con esordio nel week end del 16 e 17 ottobre.

Per la squadra di Offanengo allenata da Giorgio Bolzoni, la nuova avventura inizierà martedì 24 agosto con il raduno al PalaCoim, che il giorno successivo ospiterà la prima seduta. Il primo test informale arriverà nella giornata di venerdì 17 settembre, quando al palazzetto di Offanengo andrà in scena l’allenamento congiunto con Piadena (B2). Nel week end successivo (25 e 26 settembre), Porzio e compagne si testeranno tra le mura amiche nel Trofeo Taverna, classico quadrangolare di serie B del volley cremasco che vedrà protagoniste anche Volley 2.0 Crema (B1), Ripalta Cremasca (B2) e una formazione da definire.

Il 2 ottobre, invece, si rinnoverà il tradizionale appuntamento, sempre al PalaCoim, con il Trofeo Duemme, uno degli sponsor del sodalizio del presidente Pasquale Zaniboni, che vedrà protagoniste anche Verona, Bedizzole e Busnago, mentre la rifinitura avverrà sette giorni dopo (9 ottobre) con l’allenamento congiunto del PalaCoim contro il Don Colleoni Trescore, formazione militante in B1 al pari della Chromavis Abo.

Nella foto, il PalaCoim di Offanengo

Ufficio stampa Volley Offanengo 2011

Luca Ziliani

Articoli correlati:

  1. B1F> Sara Cortelazzo (Chromavis Abo) e la marcia di avvicinamento all’esordio
  2. B1F> Il calendario delle amichevoli della Chromavis Abo
  3. B1F> Per la Chromavis Abo test con Bedizzole
  4. B1F> Per la Chromavis Abo venerdì test con la Conad Alsenese
  5. B1F> La Conad Alsenese cede al cospetto della Chromavis Abo

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002