Fabris: “Dopo l’avvio dei Campionati di calcio, il limite al 35% di capienza per le partite indoor è privo di senso

saltato il distanziamento e rispetto delle regole sanitarie”

“Se questo è distanziamento…” commenta Mauro Fabris, Presidente di Lega Pallavolo Serie A Femminile, riferendosi alle immagini del pubblico negli Stadi dopo le prime gare dei Campionati di calcio. “E’ evidente che qualcosa non funzioni: al calcio è permesso il riempimento al 50% degli stadi con il rispetto delle norme di distanziamento previste, ovvero la ‘scacchiera’, ma dopo le prime due giornate dei Campionati di calcio, gli obiettivi risultano in gran parte clamorosamente falliti”

“L’ho già affermato – continua Fabris -, ma ci tengo a ripeterlo: viviamo in un momento in cui la curva dei contagi si sta appiattendo e nel quale è stato concesso il riempimento al 100% dei ristoranti, dell’80% dei mezzi di trasporto pubblico e del 50% degli stadi, ma i palazzetti per lo sport indoor sono limitati al 35%. Quanto sta avvenendo negli stadi italiani, dimostra che le regole sanitarie e del distanziamento sociale difficilmente trovano corrispondenza nella realtà. Negli sport indoor, invece, il controllo risulterebbe certamente più agevole e gli spettatori sono già “abituati” a rispettare l’assegnazione del posto a sedere. In particolare, la pallavolo è nota per la correttezza dei comportamenti dei suoi tifosi, per il loro fair-play e rispetto dei regolamenti.”

Il Presidente di Lega continua affermando che “Le società di vertice della Pallavolo Femminile hanno già fatto due anni di sacrifici, mantenendo sempre alto il livello dei Campionati italiani di Pallavolo e ora, mentre ancora attendono che arrivino le risorse promesse per compensare le spese sanitarie già sostenute e l’applicazione concreta delle norme sulla defiscalizzazione delle sponsorizzazioni, vogliono tornare a contare sul pieno supporto dei tanti appassionati. Come Lega Pallavolo Serie A Femminile chiediamo al Parlamento, in sede di conversione del Decreto Legge 111 del 06/08/2021, di modificare l’ingiusta ed ingiustificabile norma che limita al 35% della capienza la presenza degli spettatori nei nostri impianti, per adeguarla almeno a quel 50% concesso al calcio. Noi che abbiamo sempre rispettato e supportato le scelte fatte dal Governo a tutela della salute di tutti, come abbiamo dimostrato portando a termine in sicurezza gli ultimi Campionati, noi che abbiamo già tutte le nostre atlete e i Gruppi squadra vaccinati, noi che ci siamo già impegnati al rigido rispetto, per la prossima stagione, delle norme per l’accesso dei nostri appassionati alle partite, chiediamo al Governo e al Parlamento un equo trattamento. Una presenza maggiore di tifosi ai palazzetti eviterebbe ulteriori difficoltà economiche per il nostro movimento e darebbe la possibilità ai nostri Club di continuare ad essere l’eccellenza della pallavolo europea e mondiale, come dimostrano tutti i trofei internazionali vinti nelle ultime stagioni”.

Lega Femminile

Articoli correlati:

  1. Campionati di Serie A Femminile 2021-22, Fabris: “Limitare la capienza degli impianti al 25% è inaccettabile.
  2. Riaperture al 35% dei palazzetti, Fabris: “Norme ingiuste, ingiustificate e inique.
  3. Norme Ammissione Campionati 2011/12 – Fabris: “Buone norme danno buoni frutti”
  4. Stop ai Campionati, il presidente Fabris a Radio Sportiva
  5. Sospensione partite A1 e A2. Fabris: “Prendiamo atto, ma così si penalizza l’intero movimento”

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002