Busnago: Entusiasmante rimonta per la B2; B1 e C a mani vuote

Busnago, 31 ottobre 2021 – Un’entusiasmante vittoria in rimonta per la B2, due sconfitte per B1 e C: questo il bilancio della terza giornata di campionato per le formazioni del Busnago Volleyball Team, scese in campo sabato 30 ottobre nei rispettivi campionati.

Serie B1: Dolcos Volley Busnago – Acciaitubi Picco Lecco 0-3: 18-25, 20-25, 23-25

Nulla da fare per la B1 di coach Mario Motta e Sara Ouarga, sconfitta in casa dall’Acciaitubi Picco Lecco. Dopo i primi due set sempre a rincorrere, solo nel terzo parziale le busnaghesi riescono a mettere la testa avanti, prima di subire il ritorno delle avversarie che si impongono con il minimo scarto e spengono ogni speranza delle padrone di casa di prolungare il match.

Tabellino: Erba 1, Bizzotto 6, Pistocchi (L), Cornelli 3, Crippa 3, Ditommaso 1, Rossi 10, Zonta 14, Cologno, Guglielmi, Radice (L). N.e.: Sarti Cipriani, Bonetti, Molinari Tosatti. All.: Motta e Ouarga.

Il commento di coach Motta: “Non siamo riusciti a entrare in gara. Bene la ricezione, male la ricostruzione. Abbiamo affrontato una squadra che ci ha messo in difficoltà sulle palle sporche, pallonetti e palle spinte, che non siamo riusciti a difendere. Noi invece abbiamo giocato in modo troppo lineare, non riuscendo a variare i colpi e quindi agevolando la loro fase difensiva. La Picco ha mostrato complessivamente una stabilità superiore su cui noi dobbiamo lavorare. Nel terzo set abbiamo comunque avuto la possibilità di riaprire la gara, mancando di poco l’obiettivo”.

Prossimo impegno sabato 6 novembre alle 21.00 sul campo del Cbl Costa Volpino (Bg), che comanda la classifica a punteggio pieno a quota 9, con 3 vittorie, 0 sconfitte, 9 set vinti e 0 persi.

Serie B2: Brembate Sopra Il Garage (Bg) – Dolcos Volley Busnago 2-3: 15-25, 28-26, 25-23, 17-25, 11-15

Dopo l’opaca prestazione nell’esordio casalingo di sette giorni prima, la B2, guidata da Alessandro Licata e Franco Perego, espugna il campo del Brembate Sopra Il Garage. Nel primo set le busnaghesi mettono sotto pressione le avversarie con il servizio e con una lucida gestione della fase break. Anche all’inizio del secondo parziale le ospiti sono padrone del gioco, ma le locali, più lucide e ciniche nei momenti cruciali, rientrano sul 23-23 e si impongono ai vantaggi, sfruttando qualche ingenuità e disattenzione delle nostre. Nella terza frazione Busnago prova a dare la zampata, ma il ritorno delle bergamasche è veemente; le neroarancio iniziano a spegnersi e le padrone di casa fanno valere la loro esperienza. Al rientro in campo si rivedono le busnaghesi protagoniste di azioni di grande qualità e con una voglia di vincere espressa soprattutto con la voce, gli sguardi, i gesti e gli abbracci; il set è a senso unico con le bergamasche che, nonostante i cambi, non riescono a reggere il confronto. Le leonesse si ripresentano in campo ancora più determinate, sfruttano e concretizzano ogni piccola esitazione delle avversarie: il tie-break è una battaglia con mille colpi di scena e azioni mozzafiato. Villani e compagne, con una Moroni protagonista di 31 punti tra muri, battute, attacchi da prima e da seconda linea, non si fermano di fronte a nulla e riescono in un entusiasmante rush finale a vincere set e partita.

Il commento di coach Licata: “Franco e io abbiamo condiviso con tutte le atlete un’analisi dettagliata della scorsa gara, evidenziando gli errori di approccio e quelli legati a una poca precisione esecutiva. È importante comprendere sempre la soglia su ciò che dobbiamo fare bene perché alla nostra portata e ciò che possiamo invece conquistare e imparare attraverso il confronto con atlete più esperte. Avere riferimenti condivisi è la base per affrontare una competizione. Abbiamo lavorato con serenità e ci siamo posti di fronte a questa gara con un bell’equilibrio. Siamo molto felici di come questa partita abbia suscitato nelle nostre atlete questo tipo di reazione. Vincere è sempre bello e aiuta a vincere. In ogni caso, avremmo accettato qualsiasi risultato finale perché l’aspetto più importante è stato veder crescere la prestazione come azione e come reazione dal punto di vista tecnico ed emotivo”.

Prossimo impegno sabato 6 novembre alle 21.00 al PalaBusnago contro Robosystem Concorezzo (Mb), seconda della classe e imbattuta con 7 punti, frutto di 3 vittorie, di cui 2 al tie-break.

Serie C: Afa De Giorgi Villanuova Gavardo (Bs) – Dolcos Volley Busnago 3-0: 25-11, 28-26, 25-9

Sconfitta esterna per la C, allenata da Max Bruini e Chiara Frigerio, sul campo dell’Afa De Giorgi Villanuova Gavardo. Le bresciane dominano il primo e il terzo set, mentre nel secondo le due squadre lottano punto a punto, ma il finale premia le padrone di casa ai vantaggi.

Il commento di coach Bruini: “Abbiamo giocato contro una squadra che si presume possa fare un campionato di vertice, quindi non era una partita semplice. Noi però siamo sulle montagne russe, giochiamo set in cui perdiamo nettamente e set come il secondo in cui tiriamo fuori coraggio, consapevolezza, spirito di iniziativa e rischiamo di vincere, andando ai vantaggi. In questo momento siamo un cantiere aperto, non c’è nulla di stabilizzato; dobbiamo partire dall’umiltà di riconoscere questo nostro limite, dobbiamo crescere e lavorare ogni giorno per trovare la nostra identità”.

Tabellino: Palmitessa, Barzago, Ribaldi M. 1, Mapelli 1, Cogliati 9, Bergamaschi, Federici 3, Pasotto (L), Napolitano 2, Gasparetti 1, Griffi 2, Ribaldi G. 17, Brambilla (L). All.: Bruini e Frigerio.

Prossimo impegno sabato 6 novembre alle 17.30 al PalaBusnago contro Valvolley Beretta (Bs), ancora a secco di vittorie e fermo a quota 1 in classifica, subito dietro le busnaghesi.

Ufficio Stampa

Articoli correlati:

  1. B2F> Pallavolo Olginate a mani vuote dopo nove gare
  2. A2M> Pool Libertas Cantù a mani vuote
  3. B2F> Evoluzione Ostia torna a mani vuote.
  4. B2F> Ostia a mani vuote da Rieti
  5. B2F> La Promomedia Ostia torna a mani vuote da Palau

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002