SuperLega Credem Banca: Monza batte Piacenza e trova la vetta solitaria

blitz da 3 punti di Civitanova a Milano, Perugia supera Trento 3-0. Verona beffa Taranto 3-2, Modena sbanca Ravenna

Risultati 5a di andata SuperLega Credem Banca:
Giocate alle 15.30:
Allianz Milano – Cucine Lube Civitanova 0-3 (26-28, 26-28, 23-25)

Verona Volley – Gioiella Prisma Taranto 3-2 (24-26, 25-20, 25-23, 19-25, 15-13)

Giocate alle 18.00:
Sir Safety Conad Perugia – Itas Trentino 3-0 (25-12, 25-21, 25-18)

Vero Volley Monza – Gas Sales Bluenergy Piacenza 3-0 (25-22, 25-21, 25-17)

Giocata alle 20.30:
Consar RCM Ravenna – Leo Shoes PerkinElmer Modena 0-3 (19-25, 17-25, 25-27)

Giocata ieri:
Top Volley Cisterna – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-1 (25-23, 27-25, 20-25, 25-20)

Riposa: Kioene Padova

Allianz Milano – Cucine Lube Civitanova 0-3 (26-28, 26-28, 23-25) – Allianz Milano: Porro 4, Ishikawa 8, Chinenyeze 6, Patry 19, Jaeschke 14, Piano 3, Staforini (L), Maiocchi 0, Pesaresi (L), Mosca 1. N.E. Djokic, Daldello. All. Piazza. Cucine Lube Civitanova: De Cecco 0, Santos De Souza 11, Simon 13, Garcia Fernandez 10, Kovar 6, Anzani 11, Marchisio (L), Balaso (L), Yant Herrera 2, Juantorena 0, Diamantini 0. N.E. Jeroncic, Sottile, Penna. All. Blengini. ARBITRI: Puecher, Cerra. NOTE – durata set: 31′, 35′, 36′; tot: 102′. Spettatori: 4.850. MVP: Anzani.

Davanti ai quasi 5.000 spettatori del Mediolanum Forum, la Powervolley Milano lotta dall’inizio alla fine contro i campioni d’Italia della Lube, ma non riesce ad imporsi ed esce sconfitta per 3-0. Un risultato che sembra molto netto, ma che in realtà è stato piuttosto combattuto, come dimostrano i parziali di 26-28, 26-28 e 23-25. Piazza si affida al solito sestetto con Porro-Patry sulla diagonale principale, Piano-Chinenyeze al centro, Ishikawa-Jaeschke in banda e libero Pesaresi (da segnalare l’assenza di Romanò per colpa di una faringite). Blengini, invece, recupera Kovar che parte in posto 4 assieme a Lucarelli (Juantorena, ancora non al top della forma, entrerà solo per qualche scambio a sfida in corso). Completano la formazione De Cecco al palleggio, Garcia opposto, Anzani e Simon centrali e libero Balaso. Primo set molto equilibrato, con le due squadre che vanno avanti a braccetto dal primo all’ultimo scambio. Solo nel finale la Lube riesce in un primo allungo che vale il +3 e il 18-21 con un attacco di Kovar, ma un grande turno al servizio di Patry riporta avanti i padroni di casa che vanno addirittura sul 23-21. La Powervolley ha per le mani tre palle set, ma non riesce a sfruttarle. Un attacco out di Ishikawa regala il break a Civitanova, che a differenza di Milano sfrutta subito l’occasione per portare a casa il parziale complice un’ingenuità di Jaeschke che manda fuori un appoggio in palleggio (26-28). Il secondo set comincia meglio per i campioni d’Italia, che sembrano allungare in maniera decisiva portandosi addirittura sul 10-15. Un turno al servizio di Porro, però, riaccende le speranze della Powervolley perché grazie a un paio di ace il punteggio torna nuovamente in parità a quota 16. Si va avanti punto a punto fino alla fine, quando Blengini butta nella mischia anche Juantorena al posto di Kovar. Si torna di nuovo ai vantaggi e ancora una volta è la Lube a chiudere la pratica sul 26-28 (muro di Anzani su un attacco da seconda linea di Ishikawa). Nel terzo parziale Piano e compagni partono forte e si trovano sul +4 (13-9). Civitanova abile a rialzarsi e con un ace di Lucarelli si riporta sul 13 pari. Il vantaggio ospite arriva con un attacco di Garcia che vale il 14-15. Da lì in poi la Lube non si guarda più indietro e chiude il match 23-25 sfruttando una battuta sbagliata di Patry.

Spettatori: 4.850
MVP: Simone Anzani (Cucine Lube Civitanova)

Roberto Piazza (allenatore Allianz Milano) : “La Lube ha fatto solo sei punti più di noi in tutta la partita, si poteva vincere, la possibilità c’è sempre. Sono convinto che avremmo potuto giocare meglio in alcuni frangenti, non abbiamo mostrato la determinazione che invece ci ha contraddistinto nelle prime tre partite della stagione. Abbiamo spesso fatto delle scelte in maniera non lucida e queste leggerezze con le squadre come Civitanova le paghi alla fine. Resta il rammarico per non aver fatto valere la nostra forza quando eravamo avanti nei tre set: non parlo di esperienza ma di forza. Noi oggi non ci siamo riusciti”.

Fabio Balaso (Cucine Lube Civitanova): “Milano è una squadra molto forte in attacco. La chiave della vittoria di oggi, secondo me, è il nostro buon livello nella fase di muro-difesa. In alcuni momenti la nostra ricezione ha faticato un po’ oltre il dovuto, merito soprattutto dei loro battitori. L’importante era comunque riuscire a portare a casa i tre punti e ci siamo riusciti con merito, a conclusione di una gara molto tirata. Adesso testa alla sfida di mercoledì prossimo a Monza, un altro campo molto difficile, in cui cercheremo nuovamente di dare il massimo”.

Verona Volley – Gioiella Prisma Taranto 3-2 (24-26, 25-20, 25-23, 19-25, 15-13) – Verona Volley: Vieira De Oliveira 1, Magalini 15, Aguenier 11, Jensen 16, Mozic 25, Cortesia 11, Spirito 0, Wounembaina 0, Bonami (L), Donati (L), Asparuhov 4. N.E. Zanotti, Nikolic, Qafarena. All. Stoytchev. Gioiella Prisma Taranto: Falaschi 0, De Barros Ferreira 15, Di Martino 10, Sabbi 31, Randazzo 0, Alletti 12, Pochini (L), Stefani 0, Palonsky 6, Laurenzano (L), Gironi 7. N.E. Freimanis, Pellegrino. All. Di Pinto. ARBITRI: Piperata, Boris. NOTE – durata set: 34′, 30′, 29′, 26′, 19′; tot: 138′. Spettatori: 1.190. MVP: Raphael

Il Verona Volley conquista la sua prima sudata vittoria, lottando fino al tie-break contro una temibile Gioiella Prisma Taranto. Il primo set va proprio agli ospiti, che hanno il merito di fare un gran lavoro al muro affidandosi poi in attacco a un monumentale Sabbi (best scorer con 31 punti e 4 muri messi a segno), ma Verona recupera i due parziali successivi, con Raphael a smistare palloni in regia e la conferma delle sue giovani bocche di fuoco, Jensen e Mozic. Un calo fisiologico nel quarto parziale permette agli uomini di coach Di Pinto di dominare il set e portare la gara al tie-break, dove i gialloblù mettono da subito un piede avanti e riescono ad amministrare il risultato fino in fondo. Bella sfida a muro, fra le due formazioni, con 10 block veronesi contro i 14 tarantini, per 2 ore di lotta in grado di infiammare il pubblico dell’Agsm Forum.

Spettatori: 1.190
MVP: Raphael Vieira De Oliveira (Verona Volley)

Raphael Vieira De Oliveira (Verona Volley): “Che bello! Una vittoria in casa, la prima nel campionato italiano, sono contento per la squadra, i tifosi, siamo stati tutti insieme. Ovvio che abbiamo tanto da fare, non possiamo perderci a festeggiare perché dobbiamo già pensare alla prossima, ma sono contento perché stiamo lavorando tanto e bene, era ora che arrivasse la vittoria per darci carica e dimostrare cosa possiamo fare. Spero di vincere ancora tanto in questo palazzetto”.

Vincenzo Di Pinto (allenatore Gioiella Prisma Taranto): I punti presi contro la diretta concorrente in questo campionato sono sempre punti guadagnati. È chiaro che, per come avevamo inquadrato la partita, abbiamo subito lo svantaggio e non siamo riusciti a recuperarlo. Queste sono partite molto tese dal punto di vista psicologico e mentale: dobbiamo lavorare tanto, ma anche oggi abbiamo dimostrato di saper stare in partita. Stiamo disputando il nostro campionato, rispettando una certa tabella di marcia: dobbiamo essere più continui per poter vincere partite dure come questa.

Sir Safety Conad Perugia – Itas Trentino 3-0 (25-12, 25-21, 25-18) – Sir Safety Conad Perugia: Giannelli 5, Anderson 12, Ricci 4, Rychlicki 9, Leon Venero 21, Solé 6, Piccinelli (L), Colaci (L), Plotnytskyi 2, Travica 0, Russo 0. N.E. Dardzans, Ter Horst, Mengozzi. All. Grbic. Itas Trentino: Sbertoli 1, Kaziyski 5, Lisinac 3, Pinali 9, Lavia 5, Podrascanin 7, Zenger (L), Cavuto 0, De Angelis (L). N.E. Albergati, Sperotto, Michieletto, D’Heer. All. Lorenzetti. ARBITRI: Zanussi, Simbari. NOTE – durata set: 22′, 29′, 26′; tot: 77′. Spettatori: 2.320. MVP: Leon.

È della Sir Safety Conad Perugia il big match della quinta giornata di Superlega. I Block Devils, nella bolgia dei 2320 del PalaBarton, sconfiggono in tre set l’Itas Trentino restando a punteggio pieno e operando il sorpasso in classifica proprio sulla formazione di Lorenzetti. Partita davvero ben giocata dagli uomini di Nikola Grbic, che trovano la serata d’oro al servizio (12 ace contro un solo servizio vincente avversario) e a muro (8 vincenti contro 4 di Trento). Anche gli altri numeri della gara confortano l’entourage bianconero, con la squadra di casa migliore in ricezione (56% di positiva contro 39%) e in attacco (57% di squadra nella metà campo di casa contro il 40% degli uomini dell’Itas). Dopo un primo set tutto di marca perugina chiuso 25-12 con 7 ace e 4 muri vincenti, il match si è spostato sui binari dell’equilibrio. Trento, orfana di Michieletto, ha provato a variare qualcosa nel suo gioco, Perugia ha risposto con le sue armi migliori, cioè pressione costante dai nove metri e grande qualità nella correlazione muro-difesa. Al resto hanno pensato i frombolieri di palla alta bianconeri che hanno permesso al sestetto caro al presidente Sirci di chiudere gli altri due set 25-21 e 25-18. MVP un incontenibile Wilfredo Leon, capace di metterne a terra 21 con 7 ace e 2 muri punto. Ma è tutta la squadra di casa a sciorinare bel gioco con Anderson stellare in ogni angolo del campo (69% in attacco) e Giannelli ispiratissimo in regia (anche 5 punti per il capitano azzurro). Trento è rimasta a lungo nel match nel secondo e terzo set. Solito ottimo Podrascanin in primo tempo (83% in attacco) e buono anche l’apporto di Pinali (9 punti con il 53% di efficacia). Nel finale di terzo set ovazione del PalaBarton per l’ingresso al servizio di Roberto Russo al suo esordio stagionale dopo l’infortunio al tendine d’Achille.

Spettatori: 2.320
MVP: Wilfredo Leon (Sir Safety Conad Perugia)

Massimo Colaci (Sir Safety Conad Perugia): “Gara più che positiva per noi. Abbiamo tenuto un ottimo livello di primo attacco, non era facile con una squadra del calibro di Trento, e abbiamo cercato di trasformare in punto tutte le occasioni propiziate con la nostra fase break. Ci sono stati importanti passi in avanti a livello di gruppo e singolarmente. Battere queste grandi squadre ti permette di tornare in palestra con più carica, allegria e voglia di dare il massimo”.

Angelo Lorenzetti (allenatore Itas Trentino): “Sapevamo di poter accusare grandi difficoltà, specialmente in ricezione contro una grande squadra come Perugia. Effettivamente è capitato, ma ci abbiamo messo molto del nostro, specialmente nel primo set. Il servizio umbro ci ha fatto molto male in apertura di gara, poi nei parziali successivi siamo riusciti a giocare meglio, pur continuando a soffrire, ma almeno non siamo affondati e abbiamo iniziato a procurarci qualche occasione per tenere il loro passo. Da queste partite dobbiamo imparare qualcosa, perché più si andrà avanti e più i livelli si assesteranno, mettendo in luce i veri valori di questo campionato”.

Vero Volley Monza – Gas Sales Bluenergy Piacenza 3-0 (25-22, 25-21, 25-17) – Vero Volley Monza: Orduna 1, Davyskiba 10, Galassi 7, Grozer 18, Dzavoronok 17, Grozdanov 6, Gaggini (L), Beretta 0, Federici (L), Calligaro 0. N.E. Galliani, Mitrasinovic, Karyagin. All. Eccheli. Gas Sales Bluenergy Piacenza: Brizard 1, Rossard 10, Cester 3, Lagumdzija 8, Recine 6, Holt 5, Scanferla (L), Stern 2, Catania (L), Antonov 2, Caneschi 0, Pujol 0, Russell 1. N.E. Tondo. All. Bernardi. ARBITRI: Piana, Cesare. NOTE – durata set: 32′, 30′, 27′; tot: 89′. Spettatori: 930. MVP: Orduna.

Festa grande per la Vero Volley Monza, brava a imporsi per 3-0 sulla Gas Sales Bluenergy Piacenza nel big match della quinta giornata di andata della stagione regolare e a prendersi, per la prima volta nella sua storia nella massima serie, la vetta della classifica della SuperLega Credem Banca. Per infliggere la prima sconfitta dell’annata sportiva agli emiliani a Monza serviva convincere e così alla fine è stato. La pallavolo della squadra di Massimo Eccheli è stata a tratti devastante, condita da un servizio da capogiro (3 ace di Davyskiba) e una correlazione muro-difesa di elevata solidità (9 muri, di cui 3 di Grozdanov e Dzavoronok e 2 di Galassi). All’Arena di Monza è stato spettacolo nello spettacolo, con un equilibrio negli inizi di primo e secondo set spezzati dai brianzoli con le bocche da fuoco Grozer (premiato a inizio match come MVP del mese di ottobre, mostruoso nel primo parziale con 10 punti e il 61% in attacco), Dzavoronok e Davyskiba. Piacenza ha sfruttato le abilità dei suoi schiacciatori Recine e Rossard per tenere il ritmo dei lombardi, difendendo molto con Scanferla e cercando le accelerazioni di Lagumdzija, ben contenuto dal muro monzese, ma alla fine è stata la Vero Volley a rispondere con più decisione nei momenti caldi. Orchestrata magistralmente da un super Orduna, MVP della gara, Monza è stata più decisa e continua in tutti i fondamentali anche nel terzo gioco, firmando così la quarta vittoria della stagione, terza consecutiva, in attesa del confronto tutto da vivere mercoledì sera contro Civitanova nell’anticipo dell’undicesimo turno.

Spettatori: 930
MVP: Santiago Orduna (Vero Volley Monza)

Aleks Grozdanov (Vero Volley Monza): “Siamo primi in classifica e questo è molto importante. Il nostro è un grande gruppo, pieno di potenzialità. Siamo felici per questa prova e per aver fatto divertire il pubblico. Dopo un secondo set con qualche difficoltà siamo riusciti a reagire bene. Contro Civitanova qui mercoledì? Cerchiamo di replicare la bella prova di oggi e vediamo come va”.

Oleg Antonov (Gas Sales Bluenergy Piacenza): “Monza ha giocato bene in difesa e ci ha messo in difficoltà. Noi dobbiamo guardare ai nostri errori, non abbiamo avuto la stessa grinta delle scorse gare. Di sicuro è stato un peccato perdere una occasione così. Abbiamo molte cose su cui lavorare, soprattutto in ricezione e battuta”.

Consar RCM Ravenna – Leo Shoes PerkinElmer Modena 0-3 (19-25, 17-25, 25-27) – Consar RCM Ravenna: Biernat 1, Ljaftov 6, Erati 2, Klapwijk 17, Vukasinovic 12, Fusaro 1, Pirazzoli (L), Goi (L), Comparoni 2, Ricci Maccarini 0, Ulrich 3, Orioli 0. N.E. Candeli, Dimitrov. All. Zanini. Leo Shoes PerkinElmer Modena: Mossa De Rezende 1, Ngapeth E. 8, Stankovic 10, Abdel-Aziz 10, Leal 17, Sanguinetti 5, Gollini (L), Sala 0, Rossini (L). N.E. Van Garderen, Bellanova, Ngapeth S., Mazzone. All. Giani. ARBITRI: Frapiccini, Luciani. NOTE – durata set: 27′, 27′, 36′; tot: 90′. Spettatori: 913. MVP: Leal.

La Leo Shoes PerkinElmer riscatta la sconfitta casalinga con Piacenza andando a espugnare il Pala de Andrè, piegando una coriacea e combattiva Consar RCM, che vede svanire sulle bordate di Leal la possibilità di prolungare la gara. L’attaccante cubano si prende la scena nel finale del terzo set, quando con Ravenna avanti 24-21 annulla tre set ball e poi con una micidiale bordata al servizio traghetta Modena al successo per 3-0. La squadra di Giani porta a casa il primo parziale, ben giocato da entrambe le formazioni, con il break nel finale che piega la resistenza della Consar RCM (timida all’inizio, coraggiosa e combattiva alla distanza), in cui brillano Klapwijk e Ljaftov. L’equilibrio del secondo set è spezzato da un micidiale break con cui la Leo Shoes PerkinElmer recupera il divario di tre lunghezze (9-6) ben costruito da Ravenna, portandosi addirittura sul 12-19, grazie anche a un efficace turno al servizio di Stankovic condito da tre ace. Modena alza il ritmo all’inizio del terzo set sprigionando tutta la sua potenza e la sua qualità. Per la squadra di Zanini, sotto 3-7, sembra finita, ma Goi e compagni hanno il merito di non arrendersi e di crederci. Con Klapwijk (17 per lui alla fine con 2 ace e 4 block) che trova la miglior prestazione stagionale superando il tetto dei 1400 sigilli in carriera, e Vukasinovic (12 punti, con due ace e due muri) Ravenna trova il sorpasso (9-8). Poi due servizi vincenti di Vukasinovic mandano la Consar RCM sul +3 (15-12). Si procede con continui cambi palla fino a quando Ravenna, con l’errore di Nimir, sembra avere trovato la strada per prolungare la gara. Sul 24-21, però, Leal sale in cattedra e a Goi e compagni resta tanto amaro in bocca.

Spettatori: 913
MVP: Yoandy Leal (Leo Shoes PerkinElmer Modena)

Emanuele Zanini (allenatore Consar RCM Ravenna): “Serata amarissima, per tutta una serie di situazioni, non solo per non essere riusciti a vincere il terzo set e ad allungare la partita. Anche la gestione di altre fasi doveva essere migliore. La squadra è andata in tilt su una battuta che, con tutto il rispetto, non è quella di un Nimir, di un Ngapeth o di un Leal. Sia nel primo che nel secondo set. Abbiamo buttato alle ortiche quanto di buono fatto fin lì”.

Yoandy Leal (Leo Shoes PerkinElmer Modena): “Abbiamo vinto da tre punti e questa era la cosa fondamentale, quella che volevamo a tutti i costi. Dobbiamo però alzare il livello di gioco perché possiamo fare meglio. La Lube domenica prossima? Prima c’è la gara di Cev in Finlandia, pensiamo a vincere con Sastamala e poi penseremo a Civitanova, un passo alla volta”.

Giocata ieri:
Top Volley Cisterna – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-1 (25-23, 27-25, 20-25, 25-20) – Top Volley Cisterna: Baranowicz 4, Lanza 4, Zingel 6, Szwarc 21, Maar 23, Bossi 7, Picchio (L), Rinaldi 11, Cavaccini (L), Raffaelli 0, Dirlic 1. N.E. Giani. All. Soli. Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Saitta 3, Borges Almeida Silva 12, Resende Gualberto 10, Nishida 20, Correia De Souza 15, Candellaro 6, Condorelli (L), Rizzo (L), Basic 0, Gargiulo 0. N.E. Bisi, Partenio, Nicotra. All. Baldovin. ARBITRI: Zavater, Carcione. NOTE – durata set: 32′, 37′, 31′, 32′; tot: 132′.

Classifica SuperLega Credem Banca:
Vero Volley Monza 13, Sir Safety Conad Perugia 12, Gas Sales Bluenergy Piacenza 10, Cucine Lube Civitanova 10, Itas Trentino 10, Kioene Padova 7, Leo Shoes PerkinElmer Modena 6, Allianz Milano 6, Top Volley Cisterna 6, Gioiella Prisma Taranto 4, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3, Verona Volley 2, Consar RCM Ravenna 1.

1 incontro in meno: Sir Safety Conad Perugia, Kioene Padova, Leo Shoes PerkinElmer Modena, Allianz Milano, Top Volley Cisterna.

Anticipi 11a giornata di andata SuperLega Credem Banca
Mercoledì 10 novembre 2021, ore 20.30
Vero Volley Monza – Cucine Lube Civitanova
Diretta Volleyball TV
Arbitri: Florian, Braico (Tundo)
Video Check: Bosio
Segnapunti: Balconi

Consar RCM Ravenna – Itas Trentino
Diretta Volleyball TV
Arbitri: Cerra, Piana (Pasquali)
Video Check: Avanzolini
Segnapunti: Schino

6a giornata di andata SuperLega Credem Banca
Sabato 13 novembre 2021, ore 18.00
Gioiella Prisma Taranto – Kioene Padova
Diretta RAI Sport ch. 58
Diretta Volleyball TV

Sabato 13 novembre 2021, ore 20.30
Sir Safety Conad Perugia – Allianz Milano
Diretta Volleyball TV

Domenica 14 novembre 2021, ore 15.30
Itas Trentino – Vero Volley Monza
Diretta Volleyball TV

Domenica 14 novembre 2021, ore 18.00
Cucine Lube Civitanova – Leo Shoes PerkinElmer Modena
Diretta RAI Sport
Diretta Volleyball TV

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Consar RCM Ravenna
Diretta Volleyball TV

Domenica 14 novembre 2021, ore 18.00
Gas Sales Bluenergy Piacenza – Top Volley Cisterna
Diretta Volleyball TV

Riposa: Verona Volley

Articoli correlati:

  1. SuperLega Credem Banca: vetta solitaria per Trento che piega 3-1 Civitanova
  2. SuperLega Credem Banca: Piacenza batte Padova 3-1, Vibo piega Monza con lo stesso punteggio
  3. SuperLega Credem Banca> Vetta solitaria per Civitanova, corsara a Milano.
  4. SuperLega Credem Banca: vetta solitaria per la Lube dopo la rimonta al tie break con Trento.
  5. SuperLega Credem Banca: successo e vetta solitaria per Perugia, Civitanova piega Trento.

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002