B1F> Picco Lecco: ottime notizie da Trento

Ata Volley VS Pallavolo Picco Lecco (23-25 13-25 23-25)

Acciaitubi Picco Lecco: Rimoldi 1, Bracchi 2, Lancini 13, Rettani 3, Ratti 14, Marsengo 5, Zingaro 12

Durata set: 24’, 19’, 26’ Totale 1h09’

NOTE

Acciaitubi Picco Lecco: battute vincenti 4, battute sbagliate 4, muri 4, attacco 37%, ricezione positiva 70%,

Nuovo risultato positivo per le ragazze di coach Milano impegnate sabato pomeriggio in una nuova trasferta a Trento.

Ieri sera la AcciaiTubi Pallavolo Lecco Alberto Picco ha imposto all’Ata Volley un risultato che non lascia dubbi, vincendo 3 set a 0.

Queste le parole del 1° Allenatore, Gianfranco Milano al termine della gara:

“Sicuramente Ata Volley era di un livello superiore rispetto a quella squadra incontrata nella prima giornata di campionato, così abbiamo organizzato un gioco più pressante lato servizio e questo ha dato sicuramente i suoi frutti. Nel primo set abbiamo guidato bene fino al 11-19 poi abbiamo avuto un black out inspiegabile e abbiamo rimesso in gioco la squadra avversaria. Nel punto a punto della fase finale siamo riusciti a spuntarla. Il secondo set è partito bene e ho notato maggiore attenzione, proprio perché memori del set precedente. Terzo set più equilibrato, stando sempre punto a punto. Siamo stati bravi a gestire la partenza e i finali dei set, un po’ meno quella intermedia. Il risultato finale è positivo e rotondo e la squadra ha confermato di tenerci e di voler combattere nei momenti di difficoltà. Tre punti importanti e pensiamo già alla prossima gara dove ospiteremo il Crema”.

Ufficio Stampa

Articoli correlati:

  1. B1F> Picco Lecco: prima uscita stagionale
  2. B1F> Picco Lecco: test acceso con l’Albese
  3. B1F> Il Picco Lecco torna alla vittoria a Busnago
  4. B1F> Continua con una vittoria il cammino della Acciaitubi Picco Lecco
  5. B1F> Finisce con un pareggio la sfida del sabato sera tra Acciaitubi Picco Lecco e Pall. Don Colleoni

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002