Il Volleyrò fa festa: sfatato il tabù Trevi

Esulta il Volleyrò che finalmente sfata il tabù Trevi, campo tradizionalmente ostile per le romane, e si impone con il punteggio di 3-0 (26-24, 25-20, 25-23) nella quinta giornata del campionato di Serie B1. Bellia e compagne ottengono un successo meritato, costruito sulla voglia di vincere e non mollare. È una bella lotta sull’ostico terreno di gioco delle umbre, ma l’Under 18 dimostra carattere reagendo alle difficoltà con il bel gioco e la forte determinazione. La classifica inizia a farsi interessante, con le ragazze di coach Ebana fuori dalla zona retrocessione. Sabato prossimo, in casa e alle ore 18, il Volleyrò affronterà Castelfranco.

Manca ancora all’appuntamento con il successo in campionato l’Under 16 che in Serie B2, nonostante il grande impegno e la decisa volontà, perde per 3-0 (25-10, 25-21, 25-19) in casa di Grosseto. Il Volleyrò stecca completamente l’approccio alla partita, lasciandosi sovrastare dalle toscane nel primo parziale. Le padrone di casa devono impegnarsi maggiormente nel secondo e terzo set, quando finalmente il Volleyrò comincia a giocare come sa. Manca ancora qualche dettaglio alla giovanissima formazione romana per poter ambire alla vittoria in un girone e in un campionato così complicati, ma i segnali lanciati durante la partita sono confortanti. Nel prossimo turno casalingo il Volleyrò giocherà alle ore 15.30 contro Foligno.

Questo pomeriggio alle ore 16 scenderà in campo anche l’Under 14 che, nel quinto turno di Serie D, sfiderà al PalaVolleyrò l’Egan Volley.

Ufficio Stampa

Articoli correlati:

  1. B1F> Il Volleyrò batte Arzano ed il tabù trasferta
  2. DF> Pallavolo Pomezia, sfatato il tabù tie break
  3. B1F> Volleyrò, il campo di Trevi si conferma stregato
  4. A2M> Sfatato il tabù Mondovì con una maratona che premia entrambi.
  5. B1F> Il Volleyrò subisce la rimonta e Santa Teresa fa festa

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002