B1F> Sofia Iani (Chromavis Abo): “Puntiamo a crescere nei meccanismi di gioco e a livello mentale”

La giovane palleggiatrice spezzina (classe 2001) ha le idee chiare sul sentiero di miglioramento di Offanengo

OFFANENGO (CREMONA), 16 NOVEMBRE 2021- Continuare a crescere macinando punti e migliorando il proprio gioco. E’ questa la “ricetta” di Sofia Iani, giovane palleggiatrice della Chromavis Abo, formazione cremasca militante in B1 femminile nel girone B. Spezzina classe 2001, la Iani affianca Giulia Galletti nel reparto alzatrici della squadra allenata da Giorgio Bolzoni che sabato scorso ha riscattato il passo falso di Lecco (3-0) liquidando in tre set le giovani della Green Up Bedizzole Volley.

“Era importante – commenta la Iani, al suo primo anno a Offanengo – vincere 3-0 contro Bedizzole e conquistare i tre punti; se vogliamo puntare alla zona alta della classifica, non possiamo lasciare punti in giro. Allo stesso tempo, dobbiamo ancora trovare più equilibrio in campo e sotto il profilo del gioco potevamo far meglio. Queste partite, comunque, pur senza sottovalutare nessuno, sono utili per trovare feeling e aumentare la solidità che poi ci sarà richiesta negli scontri più tosti”.

A tuo avviso in che ambito deve crescere la Chromavis Abo?

“Credo nei meccanismi di una squadra nuova. La tecnica c’è, le ragazze del sestetto titolare, seppur giovani, hanno esperienza; a livello mentale, inoltre, dobbiamo riuscire a uscire più velocemente dai momenti difficili che ogni partita, al di là dell’avversario, propone”.

Sabato ad Almenno dall’altra parte della rete troverete un altro avversario giovane, la Chorus Lemen allenata da Atanas Malinov: cosa sarà prioritario per voi in questo match?

“Le squadre giovani possono fare di tutto, dal match della vita fino a una prestazione negativa. Di certo, se lasci spazio, ci credono e sulle ali dell’entusiasmo possono metterti in difficoltà. Per questo, ritengo sia importante metterle subito sotto pressione”.

Come vedi la compagine bergamasca?

“Come particolarità ha un gioco veloce con qualche schema inusuale, ma nel complesso è sicuramente alla nostra portata. Per noi sarà importante far punti, non solo per la classifica, ma anche e soprattutto per la nostra crescita di squadra”.

Infine, come sta procedendo il tuo primo anno al Volley Offanengo?

“Sto imparando tante cose e mi sto trovando bene con tutte le componenti di questo ambiente. Come palleggiatrice mi sento in crescita”.

Nella foto di Matteo Benelli (Gruppo fotografico Offanengo), Sofia Iani, palleggiatrice della Chromavis Abo

Ufficio stampa Volley Offanengo 2011

Luca Ziliani

Articoli correlati:

  1. B1F> La Chromavis Abo completa la cabina di regia con Sofia Iani
  2. B1F> Sofia Iani (Chromavis Abo) tra l’intesa in campo e l’esperienza con le bimbe del minivolley
  3. B1F> Cecilia Nicolini carica la Chromavis Abo: “Manteniamo questo livello di gioco e continuiamo a crederci”
  4. B1F> Cecilia Nicolini dirigerà ancora il gioco della Chromavis Abo
  5. B1F> Giulia Galletti (Chromavis Abo): “Stupita da organizzazione societaria e affetto del paese”

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002