SuperLega Credem Banca: Civitanova espugna Vibo ed è sola in vetta, Modena ferma Trento.

Vittoria lampo di Perugia a Ravenna. Milano batte Verona 3-1, Padova rimonta da 0-2 e beffa Piacenza

Risultati 7a giornata di andata SuperLega Credem Banca:
Giocata alle 15.30:
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Cucine Lube Civitanova 0-3 (17-25, 19-25, 16-25)

Giocate alle 18.00:
Leo Shoes PerkinElmer Modena – Itas Trentino 3-0 (28-26, 25-15, 25-22)

Allianz Milano-Verona Volley 3-1 (24-26, 25-22, 25-20, 25-18)

Consar RCM Ravenna – Sir Safety Conad Perugia 0-3 (10-25, 20-25, 16-25)

Giocata alle 20.30:
Kioene Padova – Gas Sales Bluenergy Piacenza 3-2 (20-25, 21-25, 25-22, 25-23. 15-8)

Giocata ieri:
Top Volley Cisterna-Vero Volley Monza 2-3 (18-25, 25-23, 23-25, 25-16, 14-16)

Riposa: Gioiella Prisma Taranto

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Cucine Lube Civitanova 0-3 (17-25, 19-25, 16-25) – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Saitta 2, Basic 3, Resende Gualberto 6, Nishida 5, Correia De Souza 13, Gargiulo 1, Condorelli (L), Rizzo (L), Nicotra 0, Candellaro 1, Borges Almeida Silva 4, Partenio 0, Bisi 2. N.E. All. Baldovin. Cucine Lube Civitanova: De Cecco 1, Santos De Souza 13, Simon 11, Garcia Fernandez 11, Kovar 5, Anzani 7, Marchisio (L), Balaso (L), Sottile 0, Diamantini 1, Yant Herrera 1. N.E. Juantorena, Jeroncic. All. Blengini. ARBITRI: Simbari, Cappello. NOTE – durata set: 26′, 29′, 28′; tot: 83′. Spettatori 863. Incasso 8.025 euro MVP: De Cecco.

Ammirevole impegno e abnegazione della Tonno Callipo che, nel quadro della 7ª giornata di Superlega, è costretta a cedere contro una Cucine Lube Civitanova praticamente inarrestabile. Ancor di più dall’inizio del secondo set, quando Nishida, ricadendo dopo un attacco, ha avvertito dolore al polpaccio sinistro dovendo così abbandonare il campo. Al suo posto Bisi, ma la formazione vibonese ha continuato a soffrire di fronte alla qualità della squadra dell’ex Blengini, abile a gestire anche qualche piccolo momento di calo di tensione nel secondo parziale, frenando subito il tentativo della squadra calabrese di riemergere.

La partita.
All’inizio Baldovin ripresenta la squadra vista contro Ravenna, quindi spazio a Gargiulo al centro e Basic in banda, ma i risultati non sono quelli sperati. Al di là della rete infatti, Civitanova conferma di essere una delle big del volley nazionale e non solo, con De Cecco abile regista per i suoi. Nonostante la buona volontà, complice il diverso spessore tecnico, Vibo non riesce a tenere testa alla Lube, se con in qualche frangente del secondo set. Nel terzo parziale il tecnico giallorosso prova anche a variare qualcosa nel sestetto: Basic entra in posto -2 per Bisi, ma la Lube continua a martellare mantenendo sempre un cospicuo vantaggio. Il prosieguo del set è vede i biancorossi in grande spolvero. Con le sue giocate Douglas cerca di tenere a galla la barca giallorossa risultando alla fine il migliore dei suoi con 13 punti. Ad attendere la formazione calabrese c’è il turno infrasettimanale di mercoledì prossimo quando Saitta e compagni dovranno prontamente riscattarsi sul campo di Verona Volley riprendendo a fare punti come accaduto contro Ravenna una settimana fa.

Spettatori 863
Incasso 8.025 euro
MVP: Luciano De Cecco (Cucine Lube Civitanova)

Valerio Baldovin (allenatore Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia): “Ci aspettavamo una gara difficile, ma allo stesso tempo dovevamo essere più aggressivi e ‘tignosi’ senza farli scappare via così facilmente. Loro hanno un’ottima battuta e grandi attaccanti, però dal canto nostro nelle occasioni di contrattacco abbiamo finalizzato troppo poco. L’uscita di Nishida ci preoccupa in vista delle prossime gare. Il nostro impegno adesso deve essere finalizzato a esprimere qualcosa in più anche contro queste squadre dal tasso fisico e tecnico superiore al nostro e restare più attaccati alla partita, cosa che oggi non ci è riuscita. Non mi piacciono le scuse, se il campionato ci mette di fronte avversari così quotati e vogliamo essere competitivi, dobbiamo migliorare”.

Robertlandy Simon (Cucine Lube Civitanova): “La prestazione personale non mi interessa, quello che conta è sempre ed esclusivamente il risultato di squadra, quindi la vittoria, ancor più quando arriva, come nel nostro caso, a dispetto della situazione resa complicata dai problemi fisici di alcuni giocatori della rosa. Stiamo imboccando la strada giusta e dobbiamo continuare a percorrerla, facendo progressi costanti dal punto di vista del ritmo. Ora mirino puntato sulle due prossime gare di campionato, poi sarà fondamentale esordire bene in Champions League, prima di partire per il Mondiale per Club”.

Leo Shoes PerkinElmer Modena – Itas Trentino 3-0 (28-26, 25-15, 25-22) – Leo Shoes PerkinElmer Modena: Mossa De Rezende 1, Ngapeth E. 16, Mazzone 8, Abdel-Aziz 18, Leal 12, Stankovic 6, Gollini (L), Sala 1, Van Garderen 0, Rossini (L), Sanguinetti 0. N.E. Bellanova, Ngapeth S.. All. Giani. Itas Trentino: Sbertoli 3, Cavuto 9, Lisinac 6, Lavia 13, Michieletto 13, D’Heer 7, De Angelis (L), Sperotto 0, Pinali 0, Zenger (L). N.E. Albergati, Kaziyski. All. Lorenzetti. ARBITRI: Boris, Brancati. NOTE – durata set: 31′, 23′, 29′; tot: 83′. Spettatori: 2.918. Incasso: 40.187 euro. MVP: E. Ngapeth.

La PerkinElmer Leo Shoes di Andrea Giani vince al PalaPanini con Trento nel settimo turno di Superlega. Modena parte con la diagonale Bruno-Abdel Aziz, in banda ci sono Earvin Ngapeth e Leal, al centro Stankovic-Mazzone, il libero è Salvatore Rossini. Trento inizia il match con Lavia opposto in diagonale a Sbertoli, le bande sono Michieletto e Cavuto, al centro D’Heer e Lisinac, Zenger è il libero. Parte forte Modena che va sull’8-5 con doppio ace al primo turno di battuta di Ngapeth. Si va al punto a punto tra le due squadre nel sold out del PalaPanini (19-18). Spezza ancora il set Ngapeth al servizio (20-18). L’Itas cambia passo e mette la freccia 23-24, ma i padroni di casa tornano avanti chiudendo 28-26 il parziale. Il secondo set inizia nel segno dei gialli (7-2), che allungano (12-6) con il fragore del PalaPanini. Leal al servizio fa male alla ricezione trentina (17-10), poi Ngapeth fa il vuoto (24-15). La Leo Shoes PerkinElmer chiude 25-15 il secondo parziale. Tiratissimo il terzo. Modena si porta sul 12-8 e sul 20-15, ma deve sudare nel concitato finale per chiudere 25-22 il set incamerando 3 punti fondamentali per classifica e morale..

Spettatori: 2.918
Incasso: 40.187 euro
MVP: Earvin Ngapeth (Leo Shoes PerkinElmer Modena)

Earvin Ngapeth (Leo Shoes PerkinElmer Modena): “Vincere da 3 punti serviva a noi e all’ambiente. Oggi servizio, difesa e side out sono andati bene, lavoriamo tanto e avevamo tanta voglia. I miei ace all’inizio? Ci siamo detti che dovevamo partire forte, ma oggi abbiamo mantenuto costanza anche durante i momenti difficili. Mercoledì ci attende una partita tostissima, ma sono le gare che ci piace giocare, andiamo a divertirci e soprattutto per tornare vincitori”.

Angelo Lorenzetti (allenatore Itas Trentino): “Ci trovavamo in una situazione di emergenza, ma potevamo fare qualcosa in più per provare a vincere il primo e il terzo set, parziali in cui abbiamo avuto diverse occasioni e non le abbiamo sfruttate. In avvio abbiamo sofferto l’onda d’urto del servizio di Modena, ma sapevamo che sarebbe stato così, dopo qualche difficoltà siamo riusciti ad adattarci. Il rammarico è più grande per il terzo set, in cui nelle prime giocate non siamo riusciti a offendere come avremmo dovuto. Il nostro percorso prosegue anche facendo tesoro di questa partita, in cui pur perdendo non abbiamo mai mollato”

Allianz Milano – Verona Volley 3-1 (24-26, 25-22, 25-20, 25-18) – Allianz Milano: Porro 1, Ishikawa 18, Chinenyeze 6, Patry 26, Jaeschke 16, Piano 6, Staforini (L), Mosca 1, Pesaresi (L), Maiocchi 1. N.E. Djokic, Romanò, Daldello. All. Piazza. Verona Volley: Spirito 1, Asparuhov 3, Zanotti 3, Jensen 15, Mozic 19, Nikolic 9, Donati (L), Vieira De Oliveira 0, Bonami (L), Aguenier 0, Magalini 3, Wounembaina 3, Qafarena 1, Cortesia 2. N.E. All. Stoytchev. ARBITRI: Goitre, Florian. NOTE – durata set: 31′, 28′, 29′, 30′; tot: 118′. Spettatori: 1.560 MVP: Patry.

Dopo i due stop con le corazzate Civitanova e Perugia, l’Allianz Milano torna al successo e lo fa in maniera convincente superando Verona per 3-1. Un’affermazione importante che rilancia la Powervolley e che di certo porta buon umore in vista della prossima uscita, di nuovo in casa, martedì sera contro Cisterna. Piazza si affida al solito sestetto formato da Porro-Patry sulla diagonale principale, Ishikawa-Jaeschke bande, Piano-Chinenyeze centrali e libero Pesaresi. Dall’altra parte Stoytchev cambia tutto al centro e comincia col duo Nikolic-Zanotti; completano il sestetto Spirito al palleggio, Jensen opposto, Asparuhov-Mozic schiacciatori e libero Bonami. La Powervolley inizia con grande determinazione e tocca il massimo vantaggio del set con un muro di Chynenyeze che vale il 9-6. Verona riesce a raggiunge Milano a quota 11, poi la sorpassa sul 16-17 con un mani out di Asparuhov. La squadra di Stoytchev si porta anche sulle due lunghezze di vantaggio (17-19 prima, 20-22 poi), ma il sestetto di Piazza è bravo a rifarsi sotto. Si decide tutto ai vantaggi, dove ha la meglio la formazione scaligera che chiude i conti con un attacco vincente di Asparuhov (24-26). Nel secondo set Milano prende fiducia e allunga fino al 17-12, un margine piuttosto ampio che si porta dietro fino al 25-22 siglato da Patry. Nel terzo parziale lo strappo decisivo arriva nella parte conclusiva: con gli ospiti avanti 16-18, Milano alza il livello del muro e ne pesca tre vincenti che valgono il 21-19. Da lì in poi c’è solo una squadra in campo e un attacco di Jaeschke sigla il 25-20 finale. Nel quarto set il sestetto di Piazza riesce sempre a stare davanti nel punteggio e regala grande spettacolo anche in difesa. Il divario si allarga sempre di più e arriva a toccare il +5 sul 18-13. Un ace di Patry vale il 25-18 definitivo.

Spettatori: 1.560
MVP: Jean Patry (Allianz Milano)

Thomas Jaeschke (Allianz Milano): “Noi abbiamo sbagliato un po’ all’inizio e loro hanno giocato bene. Non hanno alzato molte palle davanti a Mozic, che è quello che ci aspettavamo, e questo ci ha colto un po’ di sorpresa. Per me è stato un po’ strano giocare contro la mia ex squadra: era la prima volta che capitava e dall’altra parte c’erano tanti amici. Detto questo, sono contento per la vittoria, Porro ha fatto una bella partita e anche a muro siamo andati bene. Non ho molto da aggiungere, ora conta pensare al futuro, già domani ci alleneremo”.

Radostin Stoytchev (allenatore Verona Volley): “C’è stato un grande divario a muro, soprattutto perché avevamo preparato la partita in modo da non tirare su Piano e Patry, ma sapevamo che sarebbe stato difficile. In battuta sono stati bravi, ma a fare la differenza è stata la loro capacità di gestire al meglio e in modo più efficace i palloni staccati da rete. Lati positivi? Tre e tutti in attacco. Uros Nikolic è stato inarrestabile. Complimenti anche a Mads Jensen che ha variato bene i colpi e a Rok Mozic, che a soli 19 anni già ha alzato molto le aspettative su di lui. Bravo anche Bonami che ha messo a segno qualche buona ricezione. Vibo? Partita dura ma in casa. Il tempo per prepararla è poco, ma daremo il massimo per tornare alla vittoria davanti al nostro pubblico”.

Consar RCM Ravenna – Sir Safety Conad Perugia 0-3 (10-25, 20-25, 16-25) – Consar RCM Ravenna: Biernat 1, Ljaftov 4, Comparoni 7, Klapwijk 9, Ulrich 7, Erati 4, Pirazzoli (L), Orioli 0, Queiroz Franca 0, Goi (L), Dimitrov 0. N.E. Fusaro, Candeli. All. Zanini. Sir Safety Conad Perugia: Giannelli 2, Anderson 5, Ricci 6, Rychlicki 6, Leon Venero 12, Mengozzi 5, Piccinelli (L), Travica 1, Ter Horst 9, Dardzans 0, Colaci (L), Plotnytskyi 10, Russo 0. N.E. Solé. All. Grbic. ARBITRI: Carcione, Puecher. NOTE – durata set: 24′, 30′, 26′; tot: 80′. Spettatori: 940. MVP: Leon.

La Sir Safety Conad Perugia infila la sesta vittoria e comincia nel migliore dei modi il suo periodo di sfide ravvicinate. La Consar RCM fa quello che può contro lo strapotere umbro: dopo un primo set da incubo, trova la forza e le energie per reagire giocandosi meglio il secondo set e una buona parte del terzo. Coach Zanini perde nel pomeriggio Vukasinovc, colpito da un attacco febbrile. Un tampone effettuato subito risulta negativo. C’è Ljaftov al suo posto. Grbic si affida a Mengozzi al centro insieme a Ricci. Riposa Solè. Nella domenica della giornata giallorossa, il pubblico del Pala de Andrè saluta con affetto i tanti ex su sponda perugina: quelli in campo (Rychlicki e Ricci) e quelli in panchina (Russo, Mengozzi, Ter Horst e il vice coach Valentini). Primo set senza storia. La Sir Safety alza subito i giri del suo potentissimo motore, piazzando all’inizio un break di 5-0 e poi dilagando progressivamente grazie anche al sensazionale turno al servizio di Leon che propizia il salto dal 9-15 al 9-24, lasciando a Ravenna, peraltro molto imprecisa soprattutto in battuta, solo le briciole, appena dieci punti (mai successo nelle 24 sfide precedenti tra le due squadre). Più equilibrato il secondo set con la Consar RCM che parte bene (3-1) e (9-6) riesce a tenere testa agli ospiti per buona parte del parziale. Sono Ricci e Anderson, con due punti a testa, a propiziare l’allungo decisivo a cui i padroni di casa non riescono a opporsi. Ter Horst firma gli ultimi tre punti di Perugia. Buono l’avvio della Consar RCM anche nel terzo set ma quando Leon, poi MVP, piazza un’altra serie vincente al servizio, condita da quattro ace, per Ravenna si fa sempre più dura, anche se la Consar RCM è brava a riportarsi in parità (9-9). Goi e compagni reggono fino all’11-13 ma poi non hanno più energie e forze per opporsi alla nuova accelerazione ospite. I numeri finali certificano la superiorità di Perugia: 9 giocatori a punto, 12 ace, 8 muri vincenti, 61% in attacco e 54% in ricezione. In casa ravennate note liete per Comparoni che chiude con 7 punti e un 75% in attacco.

Spettatori: 940
MVP: Wilfredo Leon (Sir Safety Conad Perugia)

Emanuele Zanini (allenatore Consar RCM Ravenna): “Nel primo set il blasone e il livello dei giocatori di Perugia e la partenza a razzo dei Block Devils hanno intimorito i miei. Molti giocatori della nostra squadra non avevano mai sfidato avversari di questa caratura. La linea di ricezione senza Vukasinovic ha sofferto tantissimo. Nel secondo set è andata un po’ meglio e abbiamo fatto vedere qualcosa di concreto. Il divario tra le due squadre è notevole. Abbiamo provato a introdurre qualche aspetto tattico nuovo e questo ci sarà utile per il futuro”.

Stefano Mengozzi (Sir Safety Conad Perugia): “Abbiamo preparato bene la partita, lo staff ha fatto un ottimo lavoro. Sapevamo che il divario tecnico poteva essere importante, ma queste sono partite che devi poi giocare bene. Nel primo set abbiamo imposto subito il nostro gioco in fase break e loro hanno perso sicurezze. Credo che proprio il primo set sia stato la chiave del match. Siamo contenti della vittoria perché entriamo nel migliore dei modi in un periodo molto intenso con tante gare importanti e ravvicinate”.

Kioene Padova – Gas Sales Bluenergy Piacenza 3-2 (20-25, 21-25, 25-22, 25-23, 15-8) – Kioene Padova: Zimmermann 0, Loeppky 11, Vitelli 11, Weber 24, Bottolo 20, Volpato 0, Bassanello (L), Canella 5, Gottardo (L), Zoppellari 0, Petrov 0, Schiro 1. N.E. Crosato, Guzzo. All. Cuttini. Gas Sales Bluenergy Piacenza: Brizard 7, Rossard 16, Cester 5, Lagumdzija 23, Russell 9, Caneschi 4, Catania (L), Scanferla (L), Stern 0, Holt 8, Antonov 0. N.E. Tondo, Pujol, Recine. All. Bernardi. ARBITRI: Curto, Papadopol. NOTE – durata set: 24′, 28′, 27′, 33′, 17′; tot: 129′. Spettatori: 1.197 MVP: Bottolo.

Altra impresa per la Kioene. Una grande rimonta culminata con la vittoria al tie break regala due punti pesanti alla squadra di Cuttini, grazie anche alla prova di Bottolo, MVP come a Trento (20 punti). Piacenza recrimina sul quarto set, condotto a lungo, ma sfuggito sul più bello. Festa finale alla Kioene Arena.

La partita.
Avvio punto a punto con le squadre che cercano di aggredire molto in battuta. Il primo squillo è di Piacenza, che tenta l’allungo a metà set, ma la Kioene riesce a restare a contatto. Coach Cuttini chiama time out sul 17-20, ma gli ospiti allungano e chiudono (20-25). Il secondo parziale vede le formazioni mantenere alta la pressione al servizio per un botta e risposta estenuante. Weber sigla l’ace che vale il 16-14. La reazione emiliana non si fa attendere e l’ace di Rossard fissa il massimo vantaggio della Gas Sales Bluenergy: 19-22. La squadra di Bernardi è cinica e con Lagumdzija (ace e attacco vincente) si porta a casa anche il secondo set: 21-25. Nel terzo set c’è ancora equilibrio, ma Padova è meno fallosa e più precisa in attacco. Gli emiliani peccano un po’ di imprecisione e permettono ai ragazzi di Cuttini di arrivare al +3 (21-18). I bianconeri tengono il margine sugli avversari e l’errore di Lagumdzija è decisivo per dimezzare lo svantaggio: 25-22. Il quarto set si apre con un break di Piacenza (0-4). La Kioene trova buone soluzioni a muro anche se i ragazzi di Bernardi mantengono sempre alto il livello. Cuttini chiama l’interruzione sul 13-18, Schiro fa rifiatare Weber, i patavini rimangono a contatto e sul 16-18 è Bernardi a fermare il gioco. Il muro di Vitelli segna il sorpasso bianconero (22-21), ma il punto che fa esplodere la Kioene Arena è l’ace decisivo di Weber (25-23) che prolunga la sfida. Nel set decisivo l’abbrivio è padovano: servizio e attacchi vincenti portano la Kioene sul 10-7. Weber e Bottolo allungano (14-7), poi l’errore di Stern regala 2 punti d’oro alla Kioene.

Spettatori: 1.197
MVP: Mattia Bottolo (Kioene Padova)

Linus Weber (Kioene Padova): “Nei primi due set siamo stati in partita. Entrambe le squadre hanno giocato molto bene e nei momenti importanti la loro esperienza ha fatto la differenza. Poi non avevamo niente da perdere, ci siamo presi dei rischi, ci abbiamo creduto fino alla fine ed è andata bene. Sono orgoglioso di fare parte di questa squadra”.

Leonardo Scanferla (Gas Sales Bluenergy Piacenza): “Per capire cosa non ha funzionato dobbiamo riguardare la partita. Sicuramente non possiamo permetterci di perdere le prossime. Loro sono stati bravi, ma noi dobbiamo lavorare molto perché in queste gare è necessario portare a casa tre punti. Abbiamo fatto fatica in attacco, soprattutto nell’ultimo set. Cercheremo di lavorare nelle prossime sfide per evitare gli stessi errori”.

Giocata ieri:
Top Volley Cisterna – Vero Volley Monza 2-3 (18-25, 25-23, 23-25, 25-16, 14-16) – Top Volley Cisterna: Baranowicz 0, Rinaldi 14, Bossi 1, Szwarc 9, Maar 17, Zingel 11, Picchio (L), Cavaccini (L), Dirlic 11, Wiltenburg 4, Raffaelli 1. N.E. Giani. All. Soli. Vero Volley Monza: Orduna 2, Davyskiba 16, Galassi 7, Grozer 20, Dzavoronok 25, Grozdanov 3, Gaggini (L), Federici (L), Mitrasinovic 0, Karyagin 2, Calligaro 0, Beretta 2. N.E. Galliani. All. Eccheli. ARBITRI: Luciani, Mattei. NOTE – durata set: 24′, 31′, 31′, 26′, 22′; tot: 134′. Spettatori: 760. MVP: Davyskiba.

Classifica SuperLega Credem Banca
Cucine Lube Civitanova 22 (9 gare giocate), Itas Trentino 19 (9), Sir Safety Conad Perugia 18 (6), Vero Volley Monza 15 (8), Gas Sales Bluenergy Piacenza 14 (8), Kioene Padova 9 (6), Leo Shoes PerkinElmer Modena 9 (6), Allianz Milano 9 (6), Top Volley Cisterna 7 (6), Gioiella Prisma Taranto 7 (7), Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 6 (7), Verona Volley 2 (6), Consar RCM Ravenna 1 (8).

8a giornata di andata SuperLega Credem Banca
Martedì 23 novembre 2021, ore 20.30
Allianz Milano – Top Volley Cisterna
Diretta RAI Sport
Diretta Volleyball TV
Arbitri: Brancati, Saltalippi (Rusconi)
Video Check: Villa
Segnapunti: Mariosa

Mercoledì 24 novembre 2021, ore 20.30
Sir Safety Conad Perugia – Leo Shoes PerkinElmer Modena
Diretta RAI Sport
Diretta Volleyball TV
Arbitri: Cesare, Cappello (Mannarino)
Video Check: Nampli
Segnapunti: D’Auria

Cucine Lube Civitanova – Consar RCM Ravenna
Diretta Volleyball TV
Arbitri: Pozzato, Giardini (Bolici)
Video Check: La Delia
Segnapunti: Santinelli

Vero Volley Monza – Kioene Padova
Diretta Volleyball TV
Arbitri: Rossi, Zavater (Manzoni)
Video Check: Ferrara
Segnapunti: Zuccotti

Verona Volley – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia
Diretta Volleyball TV
Arbitri: Braico, Zanussi (Pettenello)
Video Check: Mischi
Segnapunti: Bassetto

Gioiella Prisma Taranto – Itas Trentino
Diretta Volleyball TV
Arbitri: Canessa, Bassan (Mancini)
Video Check: Sasso
Segnapunti: Fanizzi

Riposa: Gas Sales Bluenergy Piacenza

Articoli correlati:

  1. SuperLega Credem Banca: Modena espugna Trento dopo oltre tre anni dall’ultima volta
  2. SuperLega Credem Banca: vetta solitaria per Trento che piega 3-1 Civitanova
  3. Play Off 5° Posto SuperLega Credem Banca: Modena espugna Vibo con il massimo scarto
  4. SuperLega Credem Banca: vittorie esterne da 3 per Civitanova, Milano, Perugia, Trento e Vibo.
  5. SuperLega Credem Banca: successo e vetta solitaria per Perugia, Civitanova piega Trento.

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002