Beach> Le società del Campionato Italiano: Padova e Torino

Prosegue con la 4a puntata la rubrica della Federazione Italiana Pallavolo dedicata ai club che stanno prendendo parte al Campionato Italiano per Società 2021/22 di beach volley. La rubrica come noto, ha cadenza settimanale ed è un vero e proprio viaggio attraverso l’Italia, per far conoscere alcune delle realtà sportive più importanti del beach volley italiano.

Protagoniste di oggi sono la Beach Volley Padova e la CUS Torino.

Queste le parole di Andrea Garghella, direttore tecnico e socio insieme al palleggiatore della Sir Safety Conad Perugia Dragan Travica e Davide Grigolon, della Beach Volley Padova: “Siamo partiti in questa nuova edizione del Campionato Italiano per Società molto carichi, volenterosi e con un’ottima partecipazione in ogni categoria. Siamo all’inizio di questa stagione e vogliamo arrivare in primavera nel migliore dei modi anche alla luce dei tanti risultati importanti ottenuti lo scorso anno alle finali di Bibione. Puntiamo a fare il massimo, questa è la filosofia della Beach Volley Padova. Il nostro obiettivo è quello di far crescere lo sviluppo del beach volley qui nel territorio mantenendo serietà e nello stesso tempo divertimento e leggerezza” – prosegue Garghella – “Secondo me il beach volley va allenato molto seriamente ma con animo leggero. Uno dei punti di forza della nostra scuola è sicuramente la qualità dell’insegnamento e il valore del nostro staff tecnico e di questo ne siamo molto orgogliosi. La nostra casa è lo Spazio 21 di Padova, ma abbiamo una seconda sede presso il Centro Sportivo Arca 974 a Spinea (VE). Nel nostro territorio, più che in altre parti, ci vuole l’integrazione tra beach volley e pallavolo. Il Veneto ha una grande cultura pallavolistica e sono sicuro che i due sport possono andare d’amore e d’accordo sia nel presente che spero ancor di più nel futuro prossimo”. Il direttore tecnico della società veneta conclude – “Abbiamo la fortuna che le due discipline sono per tempistiche praticate in periodi differenti. Non vedo perché i due mondi debbano essere in contrasto. Positiva è la collaborazione con la Pallavolo Padova. I giovani l’inverno giocano a pallavolo mentre l’estate si avvicinano al beach volley. La nostra missione è quella di portare avanti il connubio tra la pallavolo e beach volley al fine di far avvicinare più persone al nostro sport, rendendolo sempre più competitivo e accattivante”.

Andrea Bissacco, responsabile della sezione beach volley del Centro Universitario Sportivo di Torino, ci ha raccontato, invece, la struttura della polisportiva e l’attività che svolgono quotidianamente: “Il CUS Torino, prima polisportiva d’Italia, conta circa cento atleti che partecipano al Campionato italiano equamente divisi tra uomini e donne, abbiamo in organico anche due coppie Under 20, speriamo in futuro di poter accrescere anche il numero dei giovanissimi che si affacciano a questa splendida disciplina. Complessivamente abbiamo più di 400 atleti e fanno parte del nostro staff tecnico circa 30 allenatori, di cui 10 seguono tutta la parte agonistica. Attualmente facciamo dei corsi per tutto il periodo invernale per gli Under 18” – sottolinea il Responsabile di sezione – “In estate invece attiviamo degli open day in collaborazione anche con delle società di volley di Torino e provincia per permettere a tanti giovani di provare il beach volley. All’interno della nostra polisportiva abbiamo la sezione pallavolo e proviamo ogni estate a coinvolgere anche loro. Siamo un Centro Universitario Sportivo e quindi la maggior parte dei nostri atleti sono universitari, tuttavia prima della pandemia avevamo attivato dei progetti con le scuole per cercare di coinvolgere altri ragazzi e far conoscere loro questa splendida disciplina. Il lavoro che c’è dietro è tantissimo” – prosegue Bissacco – “Gestiamo una struttura molto grande con diversi campi sia per l’inverno che per la stagione estiva. Parallelamente a questo lavoro cerchiamo, attraverso il nostro impegno quotidiano, di innalzare la cultura nel nostro territorio legata a questa disciplina. Vorremmo che diventasse sempre più uno sport di alto livello e non solo un’attività ludica da praticare in spiaggia d’estate. Il CUS Torino, infatti, tiene molto alla parte agonistica e partecipa con regolarità da quasi dieci anni alle finali del Campionato Italiano cercando di contribuire all’innalzamento del livello generale. Questo presuppone anche degli sforzi economici molto grandi per permettere agli atleti di esprimersi al meglio e raggiungere dei risultati importanti. Credo, infine, sia importante fare squadra per il bene comune del beach volley e ogni addetto ai lavori a seconda del ruolo che ricopre deve dare il proprio contributo per far crescere sempre di più questa disciplina in Italia”.

Scheda società:
Nome: Beach Volley Padova
Anno di fondazione: 2018
Sede: Spazio 21, Viale della Regione Veneto 6, Padova
Presidente: Davide Grigolon
Responsabile e Direttore Tecnico: Andrea Garghella
Facebook: https://www.facebook.com/beachvolleypadova.it
Instagram: https://www.instagram.com/beachvolleypadova
Sito: http://www.beachvolleypadova.it/

Scheda società:
Nome: CUS Torino
Anno di fondazione: 1946 (sezione sportiva del beach volley dal 2012)
Sede attività beach volley: Via Modesto Panetti 30, Torino
Presidente: Riccardo D’Elicio
Responsabile di sezione: Andrea Bissacco
Facebook: https://www.facebook.com/beachvolleycustorino
Instagram: https://www.instagram.com/beachvolleycustorino/
Sito: https://beachvolley.custorino.it

Fipav

Articoli correlati:

  1. Beach> Campionato Italiano Società: questo weekend si giocherà a Torino, Roma e Padova
  2. Beach> Campionato Italiano Società 2021: Torino, Roma e Padova scaldano i motori
  3. Beach> Campionato Italiano Società: i vincitori di Torino, Roma e Padova
  4. Beach> Campionato Italiano Società: i vincitori del weekend
  5. Beach> Campionato Italiano per Società: lo scudetto va alla Beach Volley Training Torino

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002