A2M> Brescia: salvezza ok e Play-off più vicini

La Gruppo Consoli McDonald’s Centrale del Latte centra il primo obiettivo stagionale gestendo il match contro Mondovì in sicurezza. Patriarca MVP, Cisolla sempre decisivo. Bisi: “La salvezza una spinta in più verso il derby di domenica”.

Brescia, 19 marzo 2022 – Brescia in sicurezza: approccia il match con la giusta aggressività al servizio e amministra i vantaggi in ciascun parziale senza arretrare quando la Synergy si rifà sotto. L’inserimento di Mazzone è vincente: il suo bottino personale conta su 5 ace, come 5 sono i muri di Patriarca, che, con la complicità di Cisolla e Bisi, trascina i Tucani alla vittoria tonda, necessaria per la salvezza e per un bel salto verso i Play-off. Domenica alle 16, derby al San Filippo contro l’Agnelli Tipiesse.

GRUPPO CONSOLI McDONALD’S CENTRALE SYNERGY 3-0
(25-19; 25-21; 25 22)

Starting six

I Tucani sono in campo con Tiberti incrociato a Bisi, Cisolla e Galliani in posto quattro, Esposito e Patriarca al centro; Franzoni è il libero.
Denora schiera Piazza in regìa e Arinze opposto, Mazzon e Meschiari a banda, Catena e Ceban al centro, Fenoglio è il libero.

Match in pillole
Consoli vigorosa: stacca 11-4, mettendo pressione sulla ricezione piemontese e contenendo le botte di Arinze, che si trova di fronte un Cisolla effervescente. Denora scombina le carte buttando nella mischia Cianciotta e Lusetti: Mondovì infila un buon break e Zambonardi ferma tutto, arginando la rimonta con l’inserimento di Mazzone sul 16-14. Brescia riprende la marcia, nonostante l’ingresso di Gecchele che tiene viva la Synergy. Il servizio di Ventura agevola la chiusura del set, con la palla tesa di Mazzone (25-19).

Mazzone resta in campo e piazza quattro ace, due in avvio e due a metà set (15-10), ma la Synergy non è al San Filippo solo per fare la comparsa e si oppone con orgoglio, restando in scia. Ciso e Bisi tolgono le castagne dal fuoco sotto rete: Arinze trova l’ace della speranza, ma Patriarca mette il sigillo di potenza (25-21).

Brescia affonda il colpo grazie a Cisolla – cecchino dai nove metri -, Mazzone e Bisi, ma lo scettro di MVP va a Patriarca, poderoso in primo tempo e presente a muro e al servizio (16-11). Mazzon si prende la soddisfazione dell’ace dell’ex, mentre Orazi trova un block e una battuta insidiosa. La Consoli chiude il match in scioltezza e brinda alla conferma in A2 (25-22).

Il commento
Patriarca: “L’obiettivo di stasera erano i tre punti per assicurarsi la categoria, ma ora dobbiamo continuare a spingere per agganciare i Play-off. Le avversarie sono agguerrite e non possiamo abbassare la guardia. Non vediamo l’ora di giocarci il derby domenica”.

Bisi: “La classifica è corta e ogni punto ci serve, quindi il risultato di stasera è prezioso. La salvezza ci dà tranquillità per le prossime partite, a partire dal derby con Bergamo”.

ll tabellino

BRESCIA: Mazzone 9, Orazi 1, Tiberti 2, Patriarca 12, Bisi 10, Crosatti ne, Franzoni (L), Galliani 3, Neubert, Esposito 6, Cisolla 14, Seveglievich, Ventura. All. Zambonardi e Iervolino.
MONDOVÌ: Meschiari 10, Arinze 16, Piazza 1, Lusetti, Boscaini 1, Catena 3, Camperi ne, Ceban 6, Mazzon 4, Cianciotta 2, Gecchele, Fenoglio L, Raffa ne.
Note
Ace/ Battute sbagliate Brescia 7/11 Mondovì 3/11
Muri Brescia 10, Mondovì 6
Attacco Brescia 53%, Mondovì 40%
Ricezione Brescia 60% (32% perfetta), Mondovì 47% (23% perfetta).

Durata: 27’ 28’ 28’. Totale: 1h23. Arbitri Simone Fontini e Maurina Sessolo. Addetto Videocheck: Luca Biasin.

ufficiostampa@atlantidepallavolobrescia.it
Cinzia Giordano Lanza +39 339 8669530

Articoli correlati:

  1. A2M> Brescia travolgente: vittoria da Play-Off!
  2. Play Off A2 Credem Banca: Taranto espugna Brescia in tre set e va sul 2-0 nella serie.
  3. A2M> Brescia: Un punto dalla trasferta di Mondovì
  4. Play Off Serie A2 Credem Banca: Brescia vince Gara 4 e raggiunge Taranto in Finale
  5. A2M> Brescia da sogno: i Play Off iniziano con una super vittoria

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002