Superlega> Non basta una grande prova di Cisterna, primo quarto vinto da Perugia

PERUGIA – Al Pala Barton è di scena la prima partita dei quarti di finale scudetto del campionato di SuperLega Credem Banca. Coach Fabio Soli schiera in regia capitan Baranowicz opposto a Bardia Saadat, di banda la coppia Maar e Raffaelli, centrali Zingel e Wiltemburg, libero Matteo Picchio. Primo punto della partita è per Cisterna, Saadat servito da Baranowicz mette palla a terra da posto quattro, 0-1. Equilibrio inziale in campo con Maar e Wiltemburg a segno, poi i colpi di Giannelli permettono agli umbri di portarsi avanti, 9-6. Perugia trova il massimo vantaggio nel più cinque del 13-8, poi gli attacchi di Saadat e Maar riportano i bianco blu a ridosso degli avversari, 14-11. Azione da playoff che vale il prezzo del biglietto conclusa da Solè e Perugia si riporta in battuta, 16-12. Giannelli trova un momento positivo e insiste su Leon che non sbaglia, gli umbri mettono in cassaforte un buon vantaggio, 19-12. Solè chiude a muro il primo set, 25-15. Perugia parte forte nel secondo set e dopo il 6-2 iniziale, Zingel due muri consecutivi, uno su Rychlichi e l’altro su Anderson e poi palla a terra di Raffaelli ben servito da Baranowicz riportano i laziali a ridosso degli avversari, 8-7. Ace di Cisterna con Raffaelli, che trova la zona di conflitto tra Colaci e Leon ed è pareggio, 9-9. Cisterna mette il naso avanti con l’ace di Zingel, 13-14. Prevedibile Giannelli murato da Raffaelli, che poi mette a terra la palla del massimo vantaggio dei pontini, 13-17. Cisterna trova certezze, ha liberato la mente e mantiene il vantaggio con Maar, 16-20. Ennesimo errore di Giannelli, invasione confermata dal video check, protesta il palleggiatore umbro, Grbic chiama time out, 17-22. Sei set ball per Cisterna, il muro di Raffaelli su Rychlicki ammutolisce il Pala Barton, 19-25. Una delle squadre più forti del mondo inizia il terzo set costretta a rincorrere Cisterna, 8-8. Anderson forza in battuta e porta gli ospiti all’errore, poi Mengozzi mura Saadat, 18-14. Giannelli insiste sulle pipe di Leon che non sbaglia, poi primo tempo di Mengozzi, il terzo set si chiude per gli umbri 25-17. Quarto set in equilibrio, punto a punto, Cisterna rimane attaccata agli avversari grazie a Maar e Zingel, 6-5. Giannelli cambia le carte in tavola e passa per Solè ed Anderson, 10-7. Rychlicki trova il massimo vantaggio del set, più cinque, 15-10. Palle preziose di Baranowicz e ottimo spunto di Maar, 17-16. Cisterna recupera cinque punti e aggancia gli avversari, nuova invasione di Giannelli, 18-18. Magia di Baranowicz spinge un pallonetto su posto uno, Perugia è corta e arriva il vantaggio dei laziali, 21-22. Punto a punto, colpo su colpo, Cisterna fa paura e mette in difficoltà gli avversari, 24-24 servono i vantaggi per decidere le sorti del match. La chiude Leon, 26-24.

IL TABELLINO

Sir Safety Conad Perugia – Top Volley Cisterna: 3-1 (25-15; 19-25; 25-17; 26-24)

Sir Safety Conad Perugia: Anderson 16, Ricci 2, Dardzans (ne), Travica, Ter Horst (ne), Giannelli 4, Rychlicki 15, Leon 27, Piccinelli (L), Solè 6, Russo (ne), Colaci (L), Plotnytskyi, Mengozzi 2. All.: Nicola Grbic.

Top Volley Cisterna: Zingel 8, Saadat 15, Wiltenburg 1, Giani (ne), Maar 16, Rinaldi (ne), Picchio (L), Bossi 1, Baranowicz 1, Raffaelli 14. All.: Fabio Soli.

Note:

Sir Safety Conad Perudia: ace 2, err.batt. 18, ric.prf. 41%, att. 54%, muri 7.

Top Volley Cisterna: ace 3, err.batt. 12, ric.prf. 24%, att. 41%, muri 9.

Mvp: Matthew Anderson (Sir Safety Conad Perugia)

Spettatori: 2041

Ufficio Stampa – Top Volley Cisterna

Articoli correlati:

  1. Superlega> Perugia: vittoria in quattro set con Cisterna
  2. Superlega> Cisterna non può nulla contro i campioni della Sir Safety Conad Perugia
  3. Superlega> Top Volley Cisterna si arrende a Perugia
  4. Superlega> Cisterna sconfitta 3-1 nella trasferta di Monza
  5. Superlega> Cisterna supera Ravenna 3-0

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002