Superlega> Bis Vero Volley Monza: Verona superata 3-1 all’Arena

Prestazione maiuscola dei rossoblù, bravi a consolidare il loro gioco durante il match portandosi a casa il secondo sorriso di fila nei Play-Off 5° posto. Orduna: “Bella prova per noi. Avanti così”.

Vero Volley Monza – Verona Volley 3-1 (25-23, 17-25, 25-13, 25-16)
Vero Volley Monza: Orduna 3, Davyskiba 11, Beretta 5, Grozer 23, Dzavoronok 16, Galassi 13, Gaggini (L), Karyagin 1, Federici (L), Galliani 0, Grozdanov 0, Calligaro 0. N.E. Katic. All. Eccheli.
Verona Volley: Spirito 4, Asparuhov 14, Nikolic 6, Qafarena 9, Mozic 3, Zanotti 6, Bonami (L), Donati (L), Magalini 1, Wounembaina 8, Jensen 3, Cortesia 2. N.E. Vieira De Oliveira. All. Stoytchev.

Arbitri: Canessa Maurizio, Carcione Vincenzo

Durata set: 28′, 24′, 23′, 25′; tot: 100′.

NOTE

Vero Volley Monza: battute vincenti 7, battute sbagliate 15, muri 7, errori 21, attacco 59%
Verona Volley: battute vincenti 3, battute sbagliate 15, muri 11, errori 20, attacco 43%

Spettatori: 497

Impianto: Arena di Monza

MVP: Orduna (Vero Volley Monza)

MONZA, 23 APRILE 2022 – Secondo centro consecutivo per la Vero Volley Monza nei Play-Off 5° posto Credem Banca. Dopo il sorriso ottenuto contro Milano per 3-1, i monzesi si impongono con lo stesso risultato, davanti al pubblico amico dell’Arena di Monza, su una generosa e ben organizzata Verona Volley. Nel secondo match della Pool della competizione che mette in palio un posto nella CEV Challenge Cup 2023, la Vero Volley subisce la pressione degli scaligeri nel primo set ma la spunta con qualità nel finale grazie alle accelerazioni di Grozer e Dzavoronok. Verona però è in giornata e la partenza decisa nel secondo gioco ne è la prova concreta. Con i muri di Qafarena e Asparuhov, agevolati dai turni in battuta del primo e dalle difese di Bonami, la squadra di Stoytchev contiene i tentativi offensivi dei lombardi, pungendo con un positivo Wounembaina per pareggiare i conti. Il confronto sembra equilibrato, ed invece a spezzare il ritmo sono gli scatenati Dzavoronok e Grozer, capaci in battuta di firmare un break da favola sia nel terzo (8-1) che nel quarto gioco (8-3). Monza sale d’entusiasmo e qualità (chiuderà con il 59% in attacco rispetto al 43% di Verona), contando sull’ispirato Orduna (MVP) a far ruotare il gioco d’attacco e a guidare i suoi al successo. Mercoledì sera i brianzoli vanno a Piacenza, gli scaligeri ospitano Milano per il terzo dei cinque match in calendario.

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA
Santiago Orduna (palleggiatore Vero Volley Monza): “Abbiamo fatto una gran bella partita, dimostrando la voglia che abbiamo di andare avanti e lottare. Secondo set a parte, in cui abbiamo sofferto un po’, è stata una performance corale, solida e di qualità che ci regala altri tre punti importanti. Ora puntiamo a riproporre nelle prossime gare la stessa voglia di vincere di stasera, provando a migliorare nel muro-difesa e nella continuità in ricezione. Questa sarà la strada giusta per arrivare al meglio possibile alle semifinali e finali dei Play-Off 5° posto”.

LA CRONACA IN BREVE
PRIMO SET
Eccheli schiera Orduna-Grozer, Galassi e Beretta al centro, Dzavoronok e Davyskiba bande e Federici libero. Stoytchev risponde con Spirito-Qafarena, Nikolic e Zanotti al centro, Mozic e Asparuhov schiacciatori e Bonami libero. Punto a punto con la sfida Grozer-Mozic da infiammare l’avvio, 5-5. La Vero Volley piazza un break con l’ace di Grozer dopo l’attacco centrale di Galassi, 8-6, ma Verona aggancia con un muro di Mozic su Grozer dopo l’errore del tedesco dai nove metri, 8-8. Il turno in battuta di Asparuhov (anche un ace per lui) agevola il muro di Nikolic su Davyskiba ed un errore di Grozer per il 12-9 degli ospiti. Gli ospiti allungano 15-11 con i muri di Nikolic a fermare i tentativi di attacco della Vero Volley, poi però arriva un turno in battuta di Davyskiba a mettere in difficoltà la ricezione dei veneti e a riportare Monza a meno uno, 15-14. Dzavoronok mura Qafarena, ma Mozic in pipe tiene avanti Verona, 17-16. Mini break degli ospiti, con Qafarena a giocare bene sulle mani del muro per il più tre, 19-16, ed Eccheli chiama time-out. Alla ripresa del gioco Grozer prova a scuotere i suoi, 20-18, bravi a rifarsi sotto con il muro di Davyskiba su Mozic, 21-20. Uno scatenato Orduna guida con le sue alzate gli attacchi di Davyskiba e Grozer per il sorpasso Monza, 23-22. Una giocata a testa di Beretta e Davyskiba regalano il primo set ai rossoblù, 25-23.

SECONDO SET
Wounembaina per Mozic unica novità rispetto ad inizio gara. Subito break Verona con uno straordinario turno in battuta di Qafarena (anche un ace per lui), 5-2, ed Eccheli chiama time-out. Dzavoronok accorcia le distanze con una pipe (6-4), ma Qafarena e Asparuhov spingono i veronesi sul 10-5. Davyskiba va a bersaglio, ma un errore di Grozer e la giocata vincente di Asparuhov coincidono con il 14-8 Verona. Errore di Wounembaina, invasione degli ospiti e Monza reagisce, 14-10, ma la pipe vincente di Asparuhov vale il nuovo più cinque veneto. Rincorsa al pari di Monza con due super assoli di Dzavoronok e Grozer, 17-14 e Stoytchev chiama time-out. Qualche sbavatura dei lombardi agevola la discesa di Verona, molto lucida a muro con Wounembaina e Nikolic a prendere le misure agli attaccanti della Vero Volley, 22-15. Dentro Karyagin per Dzavoronok tra le fila monzesi, capace di andare subito a segno in attacco, 23-16. La giocata centrale di Zanotti però regala il set ai veneti, 25-17.

TERZO SET
In campo gli stessi di inizio secondo set. Più due Vero Volley con due ace di Dzavoronok dopo la giocata centrale di Galassi: 4-1 e time-out Stoytchev. Si riprende a giocare: ace e due pipe vincenti di Dzavoronok per il 7-1 Monza. Galassi dal centro dà continuità al buon momento monzese, consolidato dall’attacco vincente di Beretta dal centro, dal muro di Davyskiba su Qafarena e dal mani e fuori di Grozer: 13-3 Vero Volley. Stoytchev cambia Qafarena con Jensen, ma Monza continua a spungere come non mai con Grozer, 14-3. Mini reazione degli ospiti con Wounembaina, 15-5, poi ancora accelerazione rossoblù con il turno in battuta di Beretta a facilitare i muri di Davyskiba e Galassi, 18-5 e time-out Stoytchev. Alla ripresa del gioco Nikollic passa dal centro (19-7), con Eccheli che cambia la diagonale (dentro Calligaro per Orduna e Karyagin per Grozer, con Dzavoronok che si sposta opposto). Magalini risponde a Dzavoronok (20-8), Wounenbaina mura Karyagin e Verona prova a risalire, 21-10. Monza non disperde punti a scappa alla conquista del gioco complici due errori di Verona, 25-13.

QUARTO SET
Cortesia prende il posto di Zanotti tra le file di Verona, Monza conferma i sei di inizio secondo set e scappa sul 6-1 con Grozer (ace e mani e fuori) e Davyskiba. I monzesi sono scatenati ma Verona risale con pazienza, accorciando 9-6 con il turno in battuta di Spirito e la slash di Asparuhov. Pipe di Wounembaina ed errore di Galassi per il meno tre veronese, 11-8, poi però arriva una nuova accelerazione monzese con Dzavoronok a costringere Stoytchev al time-out sul 13-8 per i padroni di casa. Grozer e Galassi continuano a mettere palla a terra con efficacia, ben serviti da un preciso e ordinato Orduna, per il 15-8 Monza. Pallonetto vincente di Davyskiba, risposta di Wounenbaina, primo tempo di Beretta e ancora Wounenbaina per Verona, ma Monza avanti, 18-13. Due lampi di Cortesia (attacco vincente e muro su Dzavoronok) riportano a contatto gli ospiti, 19-15, ma uno straordinario Grozer regala set, 25-16 e gara 3-1 ai suoi.

Link Tabellone Play-Off 5° posto

https://www.legavolley.it/calendario/?Anno=2021&IdCampionato=850

Giò Antonelli – +39 3498879385
Ufficio Stampa – Consorzio Vero Volley

Articoli correlati:

  1. Superlega> Vero Volley Monza di carattere su Verona
  2. Superlega> Stop indolore per la Vero Volley Monza a Verona
  3. Superlega> La Vero Volley Monza batte Verona e brinda ad uno storico quarto posto
  4. Superlega> La Vero Volley Monza cade a Verona 3-1 contro la NBV
  5. Superlega> Vero Volley Monza di forza: Taranto superata 3-0

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002