Campionati del Mondo: Italia ai quarti, Cuba battuta 3-1

Lubiana. Al termine di una gara spigolosa e molto difficile contro Cuba l’Italia ha conquistato l’accesso ai quarti di finale dei Campionati del Mondo grazie al 3-1 (25-21, 21-25, 26-24, 25-18) conclusivo. Gli azzurri sono stati bravi ad avere ragione di un avversario al termine di una gara davvero complicata durante la quale comunque i ragazzi sono stati bravi ad avere pazienza giocando con grande carattere.
De Giorgi ha schierato Giannelli in palleggio, Romanò sulla sua diagonale, Lavia e Michieletto martelli, Galassi e Russo centrali, Balaso libero.
Dall’altra parte della rete Cuba in campo con Goide palleggiatore, Herrera opposto, Yant e Mergarejo schiacciatori, Simon e Osoria centrali, Garcia ibero.
Primo set difficile, giocato palla su palla per lunghi tratti e caratterizzato anche da qualche sbavatura degli azzurri che però nel complesso sono stati bravi a rimanere concentrati nonostante un servizio non sempre impeccabile (8 gli errori). Nelle battute conclusive gli azzurri hanno piazzato un paio di colpi decisivi e dopo un primo set ball fallito hanno chiuso 25-21.
Secondo set iniziato con Giannelli che ha favorito maggiormente gli attacchi dal centro con Galassi e Russo rivelatisi terminali affidabili, ma con il passare dei minuti i cubani hanno approfittato degli errori commessi dagli azzurri (7-10, 8-12). Con calma e pazienza, Giannelli e compagni sono rimasti lì e con un break di 3-0 si sono portati a una sola lunghezza dai caraibici (11-12). La partita è proseguita caratterizzata da continui strappi da una parte all’altra (19-19), ma con gli uomini di Vives questa volta decisi a non cedere il passo nel finale accumulando un vantaggio di 4 lunghezze (19-23); a quel punto Sbertoli è subentrato a Giannelli (21-23), ma Simon e compagni hanno comunque pareggiato i conti grazie al 21-25 conclusivo (ancora 5 gli errori al servizio).
Terza frazione ancora caratterizzata da un grande equilibrio (11-11); gli azzurri proprio in quel momento hanno cercato un piccolo allungo che ha fruttato un parziale di 3 lunghezze (14-11, 17-14) puntualmente recuperato (18-17, 19-19). In una situazione di estrema incertezza le due squadre hanno continuato a giocare palla su palla, una guerra di nervi che nel finale ha visto l’Italia in vantaggio +2 (23-21, 24-22). Vanificato il doppio vantaggio, Cuba ha nuovamente impattato la situazione sul 24-24, ma gli azzurri hanno tenuto duro e sono riusciti a chiudere ai vantaggi un parziale davvero molto importante e tirato (nonostante percentuali tutte in favore dei caraibici:47%-38% in attacco, 70%-47% in ricezione, ancora 5 gli errori al servizio per l’Italia).
Quarto set con Anzani in sestetto dall’inizio e proprio il vicecapitano ha guidato i compagni a un importante recupero dopo un avvio complicato (11-11). Passo dopo passo e con calma gli azzurri hanno gestito un minimo vantaggio (15-14, 16-15, 17-15, 18-15) con Anzani determinante in questa fase. Proprio nel finale gli azzurri volanno sul +5 (21-16) chiudendo poi il match sul 25-18.
Ora l’Italia tornerà in campo il 7 settembre contro la vincente del match tra Francia e Giappone in programma lunedì 5.
Domani a Lubiana si riposa, squadre in campo in Polonia.
Ferdinando De Giorgi: “Oggi era importante avere pazienza, Cuba ha dei buoni battitori e schiacciatori. Hanno giocato una partita intensa, noi ad un certo punto nel secondo set non ne abbiamo avuta tanta, ma l’importante è esser riusciti a metterci lì di fronte ad un avversario di tutto rispetto riuscendo a fare le cose meglio e poi portando a casa la partita. Ciò che abbiamo dimostrato, cambiare la situazione nel secondo set, è un aspetto sicuramente positivo. Più andremo avanti e più le partite saranno un po’ nervosette da un certo punto di vista. Ho visto una squadra che ha cercato la strada migliorando alcuni aspetti e vivendo un ottavo di finale importante. Verremo a vedere Francia-Giappone, vedo la Francia favorita. Sarà una partita da giocare fino in fondo, come sempre”.

Fipav