B1F> Le indicazioni per i recuperi casalinghi della Chromavis Abo

Il match contro Vicenza diventerà un match infrasettimanale in una data tra il 10 marzo e il 2 aprile. La sfida contro Giorgione, invece, si giocherà il 16 maggio, con slittamento di una settimana dei play off

OFFANENGO (CREMONA), 3 MARZO 2020 – La Federazione italiana pallavolo ha definito le disposizioni per i recuperi dei campionati nazionali di serie B, che interessano da vicino la Chromavis Abo, capolista nel girone B di B1 femminile. La formazione di Offanengo, infatti, ha visto “saltare” per l’allerta-Coronavirus due match, entrambi previsti al PalaCoim: quello del 23 febbraio contro l’Anthea Vicenza (terza giornata di ritorno) e quello del 1 marzo contro la Duetti Giorgione (quarta giornata di ritorno).
La partita contro Vicenza verrà recuperata in un giorno infrasettimanale che dovrà essere compreso tra martedì 10 marzo e giovedì 2 aprile. Quest’ultima limitazione (più restrittiva di 8 giorni rispetto al termine del 10 aprile per le altre squadre) è legata alla qualificazione della Chromavis Abo alla Final four di Coppa Italia.
Il match contro Giorgione, invece, rientra nel turno che si disputerà interamente sabato 16 maggio, ossia al termine della regular season (ultimo impegno originario era il 9 maggio), con il conseguente slittamento di una settimana dei play off, che inizieranno non più il 16 bensì il 23 maggio per terminare il 20 giugno.

Nella foto di Alessandro Soragna, il gruppo della Chromavis Abo

Ufficio stampa Volley Offanengo 2011
Luca Ziliani

Articoli correlati:

  1. B1F> Per la Chromavis Abo debutto e chiusura di campionato in Veneto
  2. B1F> Cambio di rotta per la Chromavis Abo: emigra nel girone B
  3. B1F> Emergenza-Coronavirus: rinviata Chromavis Abo-Anthea Vicenza
  4. B1F> La Chromavis Abo batte nuovamente Vicenza e approda in semifinale
  5. B1F> Aggiornamento sulle condizioni di Cecilia Nicolini (Chromavis Abo)

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002