Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca: anche Trento fa saltare il fattore campo.

Civitanova espugnata 3-0

Gara 1 Semifinali Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca:

Cucine Lube Civitanova – Itas Trentino 0-3 (26-28, 20-25, 23-25) – Cucine Lube Civitanova: De Cecco 1, Santos De Souza 9, Simon 13, Zaytsev 15, Yant Herrera 12, Anzani 3, Marchisio (L), Diamantini 0, Balaso (L), Kovar 1, Garcia Fernandez 1. N.E. Juantorena, Jeroncic, Sottile. All. Blengini. Itas Trentino: Sbertoli 1, Michieletto 8, Podrascanin 10, Lavia 9, Kaziyski 16, Lisinac 7, De Angelis (L), Pinali 0, Zenger (L), Cavuto 0, D’Heer 0. N.E. Albergati, Sperotto. All. Lorenzetti. ARBITRI: Zanussi, Cerra. NOTE – durata set: 28′, 28′, 30′; tot: 86′.

Tradizione rispettata tra Cucine Lube Civitanova e Itas Trentino, con fattore campo saltato all’esordio come nelle ultime due Semifinali Scudetto tra biancorossi e gialloblù. Nonostante il grande sostegno della tifoseria marchigiana, a vincere Gara 1 della serie è la formazione ospite, che certifica il momento magico imponendosi con il massimo scarto (26-28, 20-25, 23-25) sui Campioni d’Italia, penalizzati dalla rinuncia a Osmany Juantorena, in panchina per un fastidio alla spalla, ma decisi a pareggiare i conti lunedì 18 aprile in Gara 2 (ore 18.00) alla BLM Group Arena di Trento. Coach Chicco Blengini schiera De Cecco al palleggio per l’opposto Zaytsev, al centro Simon e Anzani, laterali Yant e Lucarelli, libero Balaso. Il sestetto di Lorenzetti gioca con Sbertoli al palleggio e il modulo a tre schiacciatori (Kaziyski, Lavia e Michieletto), Lisinac e l’ex Lube Podrascanin al centro, Zenger libero. A fare la voce grossa è l’intramontabile Kaziyski, MVP di serata e top scorer con 16 punti. Trento vince la sfida a muro (6 a 3 i vincenti) e, pur incassando 8 ace contro i 4 realizzati, trova lo slancio per attaccare meglio di Civitanova (54%-51%). I tre biancorossi in doppia cifra, Zaytsev, Simon e Yant (15, 13 e 12 punti) non bastano a una Lube troppo fallosa. Ad aprire la Semifinale sono le coreografie suggestive dei supporter di casa e la premiazione dello schiacciatore biancorosso Ricardo Lucarelli, vincitore del sondaggio online come MVP della Regular Season. Nel primo set la Lube è più precisa in attacco (64% contro il 54% di Trento) ed è concreta a muro (3-1), ma, nonostante i 7 punti di Yant (70%), viene tradita da 11 errori di squadra e perde 26-28 sprecando una palla set. Nel secondo set, alla serie al servizio di Simon, autore di due ace e in grado di sorprendere i rivali (18-13), risponde Trento con l’ex Podrascanin dai nove metri. Il serbo tiene il servizio fino al 20-23 consentendo ai suoi di attaccare meglio e di sfruttare il muro difesa. L’ace trentino chiude un set vinto grazie anche ai 7 punti di Kaziyski , che termina col 70% (20-25). Nel terzo atto del match la Lube spinge al servizio (3 ace a 0), ma attacca con il 47% contro il 57% dei gialloblù, che vincono il confronto anche a muro per 3 a 0. Fatale il terzo perché chiude il set (23-25) consegnando la gara a Trento.

MVP: Matey Kaziyski (Itas Trentino)
SPETTATORI: 3.536

Fabio Balaso (Cucine Lube Civitanova): “Non è stata decisamente la partenza che ci aspettavamo. Anche se abbiamo iniziato la serie di Semifinale in casa nostra, sapevamo che sarebbe stata una partita difficile. Trento è in un ottimo momento di forma, stanno giocando bene e si vede. Ci hanno messo in difficoltà con la loro battuta in alcuni momenti, siamo riusciti a reagire, ma ci sono mancati quei due palloni in più per portarci a casa un set: magari da lì la partita sarebbe potuta cambiare. Nel secondo eravamo sopra di quattro punti e abbiamo preso un break di otto palle a terra consecutive, con un loro servizio non così irresistibile. Abbiamo fatto qualche errore di troppo e abbiamo perso quel parziale, sarebbe stato molto importante per noi vincerlo”.
Angelo Lorenzetti (Allenatore Itas Trentino): “Il 3-0 è un risultato che va oltre ogni aspettativa, anche perché ad onor del vero non ci siamo trovati di fronte alla miglior Lube che lamentava l’assenza di un giocatore importante come Juantorena. Siamo stati bravi a tenere duro nel primo set, dove le redini del gioco sembravano fra le mani dei nostri avversari e poi nel secondo set abbiamo fatto un recupero quasi insperato. Sono contento per quanto fatto in quel frangente al servizio da Podrascanin, perché questo è un fondamentale in cui lui lavora tanto in settimana e in questo caso ha trovato il giusto riconoscimento”.

Link Tabellone Semifinali Play Off SuperLega Credem Banca :

https://www.legavolley.it/risultati/?Anno=2021&IdCampionato=849

Gara 2 Semifinali Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca
Domenica 17 Aprile 2022, ore 18.00
Leo Shoes PerkinElmer Modena – Sir Safety Conad Perugia
Diretta Rai Sport e Volleyballworld.tv
Lunedì 18 Aprile 2022, ore 18.00
Itas Trentino – Cucine Lube Civitanova
Diretta Volleyballworld.tv

Gara 3 Semifinali Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca
Mercoledì 20 Aprile 2022
Sir Safety Conad Perugia – Leo Shoes PerkinElmer Modena
Diretta Rai Sport e Volleyballworld.tv
Giovedì 21 Aprile 2022, ore 20.30
Cucine Lube Civitanova – Itas Trentino
Diretta Volleyballworld.tv

Gara 4 Semifinali Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca
Domenica 24 Aprile 2022, ore 18.00
Itas Trentino – Cucine Lube Civitanova
Leo Shoes PerkinElmer Modena – Sir Safety Conad Perugia

Gara 5 Semifinali Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca
Mercoledì 27 Aprile 2022, ore 20.30
Cucine Lube Civitanova – Itas Trentino
Sir Safety Conad Perugia – Leo Shoes PerkinElmer Modena

Articoli correlati:

  1. Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca: salta il fattore campo al PalaBarton.
  2. Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca: Trento conquista la bella con Piacenza in tre set
  3. Finali Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca: Salta il fattore campo, Gara 1 è della Lube
  4. Play Off Scudetto Credem Banca: I numeri di gara 3 Semifinali
  5. Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca : fattore campo rispettato. Vittorie nette per Perugia e Trento.

VOLLEYMANIA NETWORK

PUBBLICITA

Collegati - © 2011 Volleymania-Sportfriends.it. Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002